Obesita': sono i fattori ambient…

[caption id="attachment_1…

Da cellule staminali a ovociti n…

Linee di cellule germinal…

Sclerosi Multipla: "l'altra ipot…

La causa della Sclerosi M…

Gravidanza: la voce della mamma …

Per i neonati prematuri a…

Disarmare i batteri e lasciarli …

La prossima strategia nel…

[Corriere.it] Vaccino anti-HPV: …

[caption id="attachment_5…

TRAPIANTI: UNA SOLA CORNEA INTER…

[caption id="attachment_7…

Menopausa: perché il calo degli …

Le donne sono piu' inclin…

Attestazione al merito della Sal…

Il Ministero della Salute…

Cuore artificiale: Italia effett…

L'operazione effettuata g…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Pomodori e la capacità protettiva contro tumore della prostata

Buone notizie per gli uomini amanti della dieta mediterranea. Mangiare pomodori con regolarità sembra ridurre il rischio di tumore della prostata.

Lo conferma uno studio britannico pubblicato su ‘Cancer Epidemiology, Biomarkers & Prevention’ e condotto da ricercatori dell’Università di Bristol, di Cambridge e di Oxford.  Il team ha esaminato la dieta e lo stile di vita di circa 20 mila uomini tra i 50 e i 69 anni. Così gli studiosi hanno scoperto che gli uomini che mangiavano più di 10 porzioni di pomodori a settimana – incluso succo di pomodoro e prodotti al sugo – hanno visto una riduzione del 18% del rischio di ammalarsi di questo tumore.

Non solo, consumare cinque porzioni di frutta e verdura al giorno ha ridotto il pericolo del 24%, rispetto a chi si limita a meno di due porzioni e mezzo. “La nostra ricerca suggerisce che mangiare pomodori può essere importante nella prevenzione del tumore alla prostata”, spiega Vanessa Er della School of Social and Community Medicine dell’Università di Bristol. “Servono ulteriori studi per confermare questi risultati, in particolare attraverso trial clinici nell’uomo”.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!