Il citoscheletro: ecco come orga…

I movimenti delle protein…

Ecco come il diabete riscrive la…

[caption id="attachme…

[Telethon] Un trucco molecolare …

[caption id="attachment_6…

Studio mette in rilievo affinità…

Chi si somiglia si piglia…

La cultura "di ferro" anti-anemi…

Le ragazze italiane a…

Diabetici: si usano i vermi per …

Un nuovo trattamento co…

Le radici genetiche della schizo…

Un nuovo studio ha consid…

Un nuovo strumento per parlare d…

Bari, 22 novembre 2013 – …

Tumore al seno: cellule staminal…

Uno studio coordinato dal…

Neuroprotesi più accurate e più …

In un nuovo articolo, un …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Pomodori e la capacità protettiva contro tumore della prostata

Buone notizie per gli uomini amanti della dieta mediterranea. Mangiare pomodori con regolarità sembra ridurre il rischio di tumore della prostata.


Lo conferma uno studio britannico pubblicato su ‘Cancer Epidemiology, Biomarkers & Prevention’ e condotto da ricercatori dell’Università di Bristol, di Cambridge e di Oxford.  Il team ha esaminato la dieta e lo stile di vita di circa 20 mila uomini tra i 50 e i 69 anni. Così gli studiosi hanno scoperto che gli uomini che mangiavano più di 10 porzioni di pomodori a settimana – incluso succo di pomodoro e prodotti al sugo – hanno visto una riduzione del 18% del rischio di ammalarsi di questo tumore.

Non solo, consumare cinque porzioni di frutta e verdura al giorno ha ridotto il pericolo del 24%, rispetto a chi si limita a meno di due porzioni e mezzo. “La nostra ricerca suggerisce che mangiare pomodori può essere importante nella prevenzione del tumore alla prostata”, spiega Vanessa Er della School of Social and Community Medicine dell’Università di Bristol. “Servono ulteriori studi per confermare questi risultati, in particolare attraverso trial clinici nell’uomo”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi