Spiegata correlazione tra emicra…

[caption id="attachment_5…

Un software per liberare i ricer…

Scienziati finanziati dal…

Ketamina: molecola con poteri a…

[caption id="attachment_8…

Neuroni specializzati nella dist…

Alcune ricerche condotte…

Tumori: il DNA con l'età perde l…

Con l'invecchiamento il D…

Nanoparticelle magnetiche 'frigg…

'Friggere' le cellule tum…

Genova, convegno internazionale …

[caption id="attachme…

Trapianto di polmone da donatore…

Al Policlinico di Milano …

AIDS: la FDA approva la prima pi…

La Food and Drug Administ…

Alzheimer: scala le classifiche …

Fino a oggi l’Alzheimer s…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

App Genuair di Almirall: la tecnologia al servizio di medici e farmacisti per migliorare l’aderenza alla terapia del paziente affetto da Bronco-Pneumopatia Cronica Ostruttiva (BPCO)

genuair1

  •   L’App Genuair® è la prima app per smartphone dedicata ad un singolo device: una tecnologia semplificata di supporto al medico e al farmacista nella spiegazione della corretta modalità di utilizzo dell’inalatore Genuair® ai pazienti con BPCO
  •   Nonostante esistano trattamenti efficaci per la BPCO essa risulta ancora non adeguatamente trattata e uno dei maggiori problemi correlati è la scarsa consapevolezza della patologia e la mancanza di aderenza al trattamento del paziente
  •   In Italia oltre 2.600.000 pazienti sono affetti da BPCO, patologia che si pone al sesto posto tra le malattie croniche presenti nel nostro paese: la BPCO limita la capacità dei pazienti di dedicarsi alle attività quotidiane e compromette la qualità della vitaMilano, 16 Settembre 2014 – Supportare il medico e il farmacista nella spiegazione al paziente con BPCO delle modalità di utilizzo dell’inalatore: è questo l’obiettivo dell’App Genuair® sviluppata da Almirall, la prima app per smartphone dedicata ad un singolo device.Genuair® è, un nuovo device/inalatore multi-dose a polvere secca precaricato con 60 dosi (per un mese di trattamento) e pronto all’uso, che eroga l’aclidinio bromuro, farmaco anti-muscarinico a lunga durata d’azione, recentemente resosi disponibile come trattamento broncodilatatore di mantenimento per alleviare i sintomi in pazienti adulti affetti da BPCO.
    Il tutorial audio-visivo e i contenuti multimediali della App Genuair® sull’utilizzo del device, forniscono un innovativo aiuto a Medici e Farmacisti nella relazione

    con il paziente affetto da BPCO al fine di garantire l’appropriato e corretto utilizzo dell’inalatore.

    “L’aderenza al trattamento è tragicamente bassa in tutte le malattie croniche,” – afferma Giorgio Walter Canonica, Prof. di Malattie dell’Apparato Respiratorio e Allergologia presso l’IRCCS AOU San Martino, Università di Genova e Presidente eletto INTERASMA-Global Asthma Association – “ma nel caso delle malattie ostruttive bronchiali la situazione viene ulteriormente complicata dall’impiego dell’inalatore necessario per la somministrazione dei farmaci. Infatti,” – continua Canonica – “i dati scientifici dimostrano come sia cruciale il corretto uso del device/inalatore per una corretta terapia. Per ottenere ciò si impone EDUCAZIONE, EDUCAZIONE ,EDUCAZIONE.”

    “Consideriamo che “in primis” il Medico, ma oggi anche il Farmacista, sono tenuti a conoscere e a saper spiegare al paziente il corretto funzionamento dell’inalatore” – conclude Canonica – “Questo momento educazionale necessita di essere ripetuto più volte, e in alcuni casi, magari legati all’età del paziente, ancora più volte. Ogni potenziale possibilità di

implementare l’aderenza alla terapia bronchiale, come attraverso le “nuove” tecnologie quali le App, è, e deve essere, più che benvenuta”.

Nel mondo la BPCO colpisce circa un adulto su 10.1 In Italia oltre 2.600.000 pazienti sono affetti da BPCO, patologia che si pone al sesto posto tra le malattie croniche presenti nel nostro paese.2 Le malattie dell’apparato respiratorio rappresentano la terza causa di decesso in Italia e la BPCO è responsabile di circa il 50% dei decessi provocati da malattie respiratorie.3

Pur essendo una patologia ad alta prevalenza una recente analisi condotta nell’ambito del Progetto Aderenza Pazienti – P.A.P – , ha evidenziato come la consapevolezza della BPCO sia insoddisfacente; rimanendo relativamente sconosciuta alla popolazione e che la gestione della patologia sembra essere tutt’altro che ideale4.

Infatti, nonostante esistano trattamenti efficaci per la BPCO essa risulta ancora non adeguatamente trattata e uno dei maggiori problemi correlati è la mancanza di aderenza al trattamento del paziente4. Secondo l’OMS l’aderenza dei pazienti alle terapie di lungo termine è in media del 50%5. Inoltre numerosi studi riportano che circa il 60% dei pazienti con BPCO non segue la terapia prescritta6. Il trattamento della BPCO comporta l’impiego di terapie inalatorie e conseguentemente l’impiego di un inalatore e la conoscenza del suo corretto funzionamento. Nel corso del trattamento il paziente può inoltre incontrare difficoltà nell’impiego del device con rischio di sotto-trattamento o maluso. L’uso improprio del device ha inevitabili conseguenze sia sullo stato di salute del paziente che sull’intero sistema sanitario4.

Anche i risultati di una recente pubblicazione suggeriscono che tra i pazienti con asma e BPCO è diffusa una scarsa aderenza alle terapie per via inalatoria. I dati mostrano, per di più, che la soddisfazione del paziente nei confronti del proprio inalatore ha positive ripercussioni su una sua maggiore aderenza alla terapia, sui risultati clinici e sui costi del trattamento.7

Emerge da questi dati l’importanza non solo di device facili da utilizzare ma anche del training al paziente, specialmente – ma non solo – al primo utilizzo, che possa migliorare l’aderenza al trattamento.
L’applicazione di un intervento multifattoriale – che comprenda informazioni sulla patologia, promemoria sulle dosi, rinforzo con materiali audiovisivi, focus sull’aspetto motivazionale e tecniche di allenamento per l’inalazione – per i pazienti con BPCO sottoposti a terapia inalatoria può portare ad un aumento del 25% dell’aderenza alla terapia.8

L’App Genuair

Genuair®

I risultati di una recente pubblicazione suggeriscono che tra i pazienti con asma e BPCO è diffusa una scarsa aderenza alle terapie. I dati mostrano, inoltre, che la soddisfazione del paziente nei confronti del proprio inalatore ha ripercussioni positive su una sua maggiore aderenza alla terapia, sui

risultati clinici e sui costi di trattamento7.

Genuair® è stato progettato con un doppio sistema di avviso che conferma al paziente il suo corretto impiego: è udibile un ‘click’ e una finestra di controllo visivo passa da verde (pronto

L’App Genuair® è un’applicazione gratuita sviluppata da Almirall (per iPhone e iPad) e rappresenta uno strumento utile per supportare il medico e il farmacista nella fase di training sulle modalità di utilizzo dell’inalatore Genuair®. All’interno dell’applicazione sono disponibili le “istruzioni d’uso di Genuair®” ed un video tutorial con l’illustrazione dei 2 passaggi necessari per l’assunzione del farmaco con l’inalatore.

L’App è scaricabile da App Store, cercando ”GENUAIR” o tramite il link: http://www.medicalapps.it/linkto/genuair-istruzioni-di-utilizzo/

all’uso) a rosso, quando il paziente ha inalato correttamente. Il dispositivo comprende anche sistemi di sicurezza, quali un meccanismo che impedisce somministrazioni multiple accidentali e un sistema di bloccaggio che impedisce l’uso dell’inalatore una volta esaurite le dosi.

Almirall

Almirall è una multinazionale con sede a Barcellona che si occupa di produrre farmaci di valore grazie all’impegno della sua divisione di Ricerca & Sviluppo, insieme a partnership esterne, licenze e collaborazioni. Il nostro lavoro comprende tutta la catena di valore del farmaco. Grazie ad una crescita consolidata possiamo dedicare il nostro talento e gli sforzi nelle aree respiratoria e dermatologica, con un interesse mirato in gastroenterologia e nel dolore. Le nostra struttura ci consente di essere agili e flessibili, in modo da poter realizzare l’obiettivo di portare i nostri prodotti innovativi ovunque siano necessari.

Fondata nel 1943, Almirall è quotata alla Borsa spagnola (ticker: ALM) ed è diventata una fonte di creazione di valore per la società grazie alla visione e all’impegno dei suoi principali azionisti. Nel 2013, i ricavi sono stati pari a € 825.000.000 e, con oltre 3.000 dipendenti, si è progressivamente sviluppata una presenza affidabile in tutta Europa, così come negli Stati Uniti, in Canada e nel Messico.

Per maggiori informazioni: Ketchum Silvana Visentini / Michele Grieco silvana.visentini@ketchum.com / michele.grieco@ketchum.com Telefono: 02 62411918 / 348 8526212 / 02 62411963

1 European Respiratory Society, European Lung White Book. At:http://www.erswhitebook.org/chapters/chronic-obstructive- pulmonary-disease/

  1. 2  La gestione clinica integrata della BPCO. At: http://www.aimarnet.it; www.aiponet.it; www.simernet.it; www.simg.it
  2. 3  Epidemiologia della BPCO. JPH, Italian Journal of Public Health 2010;7(2): S3-S5

4 Braido F, Baiardini I, Sumberesi M et al. Obstructive lung diseases and inhaler treatment: results from a national public

pragmatic survey. Respiratory Research 2013;14:94

  1. 5  World Health Organization: Adherence to long-term therapies: evidence of action. 2003. At:http://http://www.who.int/chp/knowledge/publications/adherence_report/en/
  2. 6  Restrepo RD, Alvarez MT, Wittnebel LD et al. Medication adherence issues in patients treated for COPD. Int J COPD 2008;3:371-384
  3. 7  Mäkeläa MJ, Backerb V, Hedegaardc M, Larssond K. Adherence to inhaled therapies, health outcomes and costs in patients with asthma and COPD. Respir Med 2013;107(10):1481-90

8 Barnestein-Fonseca P, Leiva-Fernández J, Vidal-España F et al. Efficacy and safety of a multifactor intervention to improve therapeutic adherence in patients with chronic obstructive pulmonary disease (COPD): protocol for the ICEPOC study. Trials. 2011;12:40

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!