Ministero della Salute: cambiano…

Il ministero della salute…

Capacità cognitive migliori nei …

[caption id="attachment_1…

Infiammazioni: aspirina le comba…

L'aspirina e i grassi Ome…

Riduzione significativa della pe…

I risultati dello studio …

Obesità: non è un disturbo legat…

L’alimentazione non sareb…

L’Azienda Ospedaliera San Camill…

Roma, 9 settembre 2010 – …

[Euromelanoma 2012]News sul mela…

1.           Nel  rece…

La tela del ragno e i segreti in…

La capacità di resistere …

Herpes genitalis: piu' pericolos…

E' piu' pericoloso propri…

All’Istituto San Carlo il nuovo …

Al via da gennaio il cors…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cellule staminali contro danni cerebrali

Agiscono come un mini ‘kit di pronto soccorso’ che aiuta il cervello a ripararsi.

Sono le cellule staminali neurali e i loro precursori (Npcs) che, iniettati nel sistema cardiocircolatorio di chi soffre di patologie neurovegetative come sclerosi multipla, ictus o lesioni del midollo spinale, mostrano un notevole livello di recupero.  La scoperta è di un team di ricercatori coordinato dell’Università di Cambridge e finanziata anche dall’Associazione italiana sclerosi multipla (Aism) ed è stata pubblicata su Molecular Cell. La ricerca, si legge in una nota dell’Aism, dimostra che le terapie con cellule staminali possono anche agire utilizzando meccanismi alternativi.

I ricercatori si sono soffermati sul ruolo delle vescicole che sono trasferite dalle Npcs alle cellule staminali. “Queste piccole vescicole nelle cellule staminali – spiega Stefano Pluchino del Wellcome Trust-Medical Research Council Stem Cell Institute di Cambridge, che ha coordinato lo studio – contengono molecole come proteine e acidi nucleici che stimolano le cellule bersaglio, ne modificano funzioni, e le aiutano a sopravvivere, agendo pertanto come un mini ‘kit di pronto soccorso’ che le cellule staminali rilasciano a proprio uso e consumo.

Essenzialmente, la nostra scoperta conferma ulteriormente come le Npcs siano in grado di riconoscere, di rispondere e di trasferire a cellule target segnali di infiammazione simili a quelli descritti in corso di traumi e malattie del sistema nervoso. Siamo convinti che questo appena rivelato sia uno dei meccanismi con cui le cellule staminali aiutino le cellule nervose danneggiate ad auto-ripararsi”.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!