Fecondazione assistita: nuova te…

[caption id="attachment_9…

IRCC Besta: enzima mitocondriale…

Sull'American Journal of …

Le piante, analizzando l'espress…

Una ricerca in parte sost…

I batteri intestinali sintetizza…

Il cancro al colon-retto …

Diabete di tipo 2: scoperta una …

Un gruppo di scienziati d…

Una molecola chiave per il cuore…

Il cuore risponde allo …

Fratture vertebrali oncologiche:…

[caption id="attachment_7…

Tumori: è tutta italiana la tecn…

Identificare i tumori ed …

Parkinson: nanoparticelle di car…

Uno dei problemi che colp…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Sconfiggere il cancro, iniziando a camminare

Così il rischio di morire per un tumore al seno o alla prostata viene significativamente ridotto

Quando si lotta contro il cancro l’attività fisica è utile tanto quanto un potente farmaco.

A sottolinearlo sono gli esperti di Walking for Health, iniziativa inglese mirata a promuovere uno stile di vita più attivo attraverso un esercizio semplice e facilmente accessibile a tutti: il cammino. Secondo gli ultimi calcoli, effettuati per Walking for Health dall’associazione Macmillan Cancer Support e dall’organizzazione benefica britannica The Ramblers, è sufficiente camminare per 1,6 km a una velocità di circa 5 km all’ora per ridurre del 40% il rischio che un cancro al seno possa avere la meglio risultando fatale. In modo simile, per chi è affetto da untumore alla prostata questo tipo di attività fisica riduce del 30% il rischio di morire a causa del cancro.

Le stime, basate sulle linee guida della più importante voce in tema di salute nel governo britannico – il Chief Medical Officer – secondo cui ogni settimana dovrebbero essere praticati 150 minuti di attività fisica ad intensità moderata, possono essere lette anche in un altro modo: per ridurre, rispettivamente, del 40 e del 30% il rischio di morire a causa di un cancro al seno o alla prostata chi ne soffre dovrebbe camminare ad una velocità minima di 5 km all’ora per 20 minuti al giorno.

Come ricorda Macmillan Cancer Support, questa scelta permette anche di contrastare efficacemente effetti collaterali come la ritenzione idrica a livello delle braccia che può colpire le donne affette da tumore al seno e problemi come ansia, depressione, affaticamento, difficoltà motorie e variazioni di peso.

“Non possiamo continuare a tenere gli occhi chiusi di fronte a quella che si presenta come una soluzione molto semplice e ovvia”, ha sottolineato Ciaran Devane, direttore esecutivo di Macmillan Cancer Support, commentando le nuove stime.

“E’ sempre più chiaro – ha aggiunto Benedict Southworth, direttore esecutivo di The Ramblers – che camminare può fare la differenza per chi si sta riprendendo o convive con un cancro o altri seri problemi di salute”. Alla luce di questa consapevolezza secondo Devane l’esercizio fisico dovrebbe essere prescritto come parte integrante del percorso verso la guarigione dal cancro.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!