Tubercolosi: triplo cocktail di …

Un 'triplo cocktail' di f…

La differenziazione delle cellul…

Sono alcune cascate d…

Disponibile in Italia un nuovo f…

Cologno Monzese, aprile 2…

FDA pone il suo OK sul test rapi…

La Food and drug administ…

Dita bioniche restituiscono la m…

Maria Antonia Iglesias è …

Brescia: Mosca (SIN), la prematu…

Secondo il Presidente del…

[IRCCS E. Medea] Per traumi clin…

A Pieve di Soligo sperime…

Enfisema: la predisposizione e l…

Sebbene i topi non avesse…

SLA: una proteina anomala che si…

Scoperta una proteina ano…

Conta-morsi per dimagrire: la cu…

Ideato alla Clemson Unive…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Bonus Bebè: la proposta piace ai neonatologi della SIN

sinIl bonus di 960 euro annui destinato alle neomamme annunciato dal Presidente del Consiglio Matteo Renzi e previsto nella nuova Legge di Stabilità, trova d’accordo i neonatologi italiani della SIN, la Società Italiana di Neonatologia. 

Secondo i neonatologi italiani questa è una misura importante in aiuto dei neonati e delle loro famiglie.

“E’ un primo passo concreto per sostenere le famiglie e i nuovi nati su cui non possiamo non essere d’accordo” – afferma il Presidente della SIN Costantino Romagnoli. – “In passato, purtroppo le risorse destinate al miglioramento del servizio sanitario per l’assistenza neonatale, le strutture ospedaliere o l’acquisto di strumenti non sono quasi mai state utilizzate in modo adeguato o sono state spese male, con la complicità della politica. Questo bonus, così com’è successo per il precedente, andrebbe direttamente alle famiglie”. 

Il Presidente dei neonatologi italiani, così come i medici che rappresenta, che sono a contatto tutti i giorni con i genitori e raccolgono le loro preoccupazioni, conti alla mano, sa che nei primi mesi di vita le famiglie sono chiamate a spese extra, spesso non deducibili fiscalmente, per la cura e la salute del neonato.

“80-90 euro al mese sono una cifra significativa per una famiglia monoreddito (7-8% dell’entrata mensile) ma anche in cui lavorano entrambi i coniugi, ma con redditi bassi e servono a coprire le spese di acquisto di pannolini o generi di prima necessità, come prodotti per l’alimentazione o la salute. Ci auguriamo che ne possano beneficiare tutti” conclude Romagnoli. 

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi