Funziona il primo polmone in pro…

[caption id="attachment_8…

Tumore al seno: cure mirate con …

Il tumore al seno colpisc…

La luce influisce cognitivamente…

La luce migliora l'attivi…

Tumore della prostata in Italia:…

Fondamentalii percorsi di…

Le lesioni parziali del midollo:…

Imparare a controllare i …

Capperi scudo anti-allergia, alt…

Il cappero in aiuto di ch…

Per un cuore sano, oltre a coles…

[caption id="attachment_7…

Aspirina: i mille volti di un fa…

V° Congresso Provinciale …

Rivaroxaban ottiene la rimborsab…

Milano, 29 Agosto 2014 – …

Enfisema: la predisposizione e l…

Sebbene i topi non avesse…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Parkinson giovanile: scoperta la causa. Studio pubblicato su Nature

E’ un meccanismo molecolare che media la morte neuronale. Lo studio di ricercatori del Cnr e dell’Istituto auxologico italiano è pubblicato su Nature Communication.


Roma, 23 ottobre 2014 – Tremori, rigidità muscolare e difficoltà a controllare il proprio corpo sono alcuni dei sintomi del Parkinson, che ha un’età media di esordio intorno ai 60 anni ma a volte può manifestarsi anche prima dei 40. I ricercatori dell’Istituto di neuroscienze (In-Cnr) di Milano, coordinati da Maria Passafaro, in collaborazione con colleghi dell’Istituto auxologico italiano di Milano, diretti da Jenny Sassone, hanno scoperto il meccanismo molecolare di una proteina chiamata parkina, la cui assenza causa la morte dei neuroni dopaminergici che hanno un ruolo chiave nel controllo dei movimenti, caratteristica principale della malattia neurodegenerativa. Lo studio potrebbe aprire la strada a nuove strategie terapeutiche per rallentare il decorso del Parkinson giovanile.Parkinson

 

“La causa più frequente della forma giovanile del Parkinson sono le mutazioni in un gene nominato Park2, il quale codifica per la parkina, ossia contiene le istruzioni su come ‘costruire’ la proteina”, spiega Maria Passafaro. “Le mutazioni alterano la trasmissione del glutammato, il neurotrasmettitore amminoacido più diffuso nel sistema centrale nervoso, e possono indurre la morte nei neuroni dopaminergici della sostanza nera, situata nel mesencefalo, tramite un meccanismo molecolare chiamato eccitotossicità”.

L’identificazione del meccanismo molecolare permetterà in futuro di scoprire se la modulazione farmacologica del recettore possa avere un ruolo non solo nel controllo dei sintomi ma anche nel rallentare il processo neurodegenerativo in questa forma genetica di Parkinson. “La parkina, infatti, sembrerebbe interagire con uno specifico recettore glutammatergico (il recettore ionotropico per il kainato Kar) e ne regola l’espressione, cioè la presenza nei neuroni, tramite un processo conosciuto come ubiquitinizzazione”, prosegue la ricercatrice dell’In-Cnr. “Nei pazienti con la mutazione del gene Park2 si verrebbe a perdere la normale funzione della parkina con conseguente accumulo patologico del recettore Kar, che causa un incremento di concentrazione di glutammato nei neuroni, alterando così l’attività sinaptica e conducendo le cellule alla morte”.

Lo studio è stato finanziato dalla fondazione Cariplo e dal ministero della Salute. Hanno collaborato alla ricerca: l’Istituto italiano di tecnologia di Genova, il Dipartimento di bioscienze dell’Università di Milano, l’Università di Bordeaux e il Dipartimento di neurologia della Università di Juntendo di Tokyo, diretto da Nobutaka Hattori che nel 1998 aveva identificato la mutazione del gene Park2.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi