Ultrasuoni per "bombardare" i tu…

Si chiama FUS (Focused Ul…

Contraccezione ormonale, informa…

La Regione rimane fanalin…

Staminali: nuovo sistema per pro…

Un team di ricercatori di…

Depressione: killer subdolo dell…

La depressione e' un kill…

Amniocentesi: ricorrere agli ant…

Antibiotici 'salva bebè' …

FIMP - Dermatite atopica in età …

La FIMP: “C’è bisogno di …

Cancro al pancreas: specifici ba…

I pazienti con cancro al …

Il botox contro l'incontinenza u…

L’utilizzo della tossina …

Cancro al rene: tre nuovi biomar…

Tre biomarker per una d…

Emicrania: l'effetto del gelato …

Scoperto perche' mangiare…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Scoperto in America un virus che rallenta i processi cognitivi

Riduce l’attivita’ cognitiva di circa il 10% il virus ATCV-1, secondo una ricerca realizzata dalla Johns Hopkins University e dall’Universita’ del Nebraska, pubblicata sui Proceeding of the National Academy of Sciences.

La scoperta e’ avvenuta per caso, durante uno studio sui microbi della gola perche’ fino questo momento si riteneva che l’ATCV-1 attaccasse solo le alghe verdi di laghi e fiumi. virus-hivGli scienziati hanno notato che questo virus, subito ribattezzato dai media “virus della stupidita'” riduce la performance in alcuni test cognitivi. Lo studio e’ stato condotto su un campione limitato, circa 90 persone di cui il 43% infetto. E’ poi emerso che dei topi deliberatamente contagiati con l’ATCV-1 reagivano in maniera piu’ lenta ed e’ stato dunque dedotto che il virus influenza in qualche modo determinate attivita’ mentali.

In passato uno studio aveva associato i virus XMRV e pMLv alla sindrome della fatica cronica ma tre anni dopo, nel 2012, la scoperta venne totalmente smentita

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi