Cordone ombelicale: tagliarlo du…

Stabilita la tempistica i…

APRILE DOLCE DORMIRE... MA NON T…

La Trombosi è la causa di…

Alzheimer: per un malato su 4 la…

Stigma ed esclusione soci…

Nervi recisi: team di scienziati…

Un team di scienziati ame…

Al via la seconda edizione del p…

Fino al 30 novembre 2013 …

Un gene, scultore molecolare, al…

[caption id="attachment_4…

Cellule staminali: il turismo sp…

Il primo caso di presunt…

“Minori Fuori Famiglia”: prima a…

I dati presentati a Roma …

Il vino rosso alleato del cuore.…

[caption id="attachment_5…

Il rilassamento altera l'espress…

Gli effetti positivi …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Zucchero: non è solo dolce, il legame con ansie, stress e depressione dietro il consumo eccessivo

Lo zucchero puo’ essere dolce, ma i suoi effetti sul corpo di sicuro non lo sono altrettanto. Uno studio della Emory University di Atlanta (Usa) ha infatti scoperto che il consumo eccessivo di zucchero non si limita a causare un aumento di peso, ma anche il rischio di depressione, stress e ansia. Una dieta ad alto contenuto di fruttosio, secondo gli studiosi, altera la risposta del cervello allo stress con importanti effetti sul comportamento, specialmente durante l’adolescenza.


Questa alterazione, inoltre, aumenta l’esposizione prolungata allo stress che di conseguenza aumenta la pressione sanguigna, indebolisce il sistema immunitario, aumenta il rischio infarto e ictus, contribuisce alla sterilita’ e accelera il processo d’invecchiamento. Per arrivare a queste conclusioni gli scienziati hanno condotto una serie di esperimenti su topi adolescenti e adulti che hanno seguito una dieta standard e una ad alto contenuto di fruttosio. Dopo 10 settimane, le cavie sono state esposte a situazioni stressanti.  I topi adolescenti alimentati con cibi ad alto contenuto di fruttosio hanno prodotto piu’ cortisolo, il cosiddetto ormone dello stress, rispetto ai topi adulti.
Inoltre, le cavie giovani hanno mostrato comportamenti depressi e ansiosi.

“I nostri risultati – ha detto Constance Harrel, autrice dello studio – offrono nuove intuizioni sui modi in cui la dieta puo’ alterare la salute del cervello e puo’ portare a conseguenze importanti per la nutrizione e lo sviluppo degli adolescenti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi