Il gruppo sanguigno "A" più espo…

La suscettibilita' alle i…

A Cagliari i massimi esperti del…

Fino al 14 ottobre verran…

Vita sessuale meno dolorosa in m…

Il dolore da rapporto ses…

Epilessia - L'allarme del Presid…

la Lega Italiana contro l…

In sangue centenaria 400 mutazio…

Se molto si sa delle muta…

Pertosse: i nati sotto epidemie …

I nati durante le epide…

[Cordis]Perché i giovani sono pi…

[caption id="attachment_3…

Autismo: metà cause genetiche, m…

La ricerca del Karolinska…

Metilazione DNA: implicata nell'…

Scienziati trovano che ne…

Osteoartrite: isolata la protein…

L'osteoartrite, malatti…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Zucchero: non è solo dolce, il legame con ansie, stress e depressione dietro il consumo eccessivo

Lo zucchero puo’ essere dolce, ma i suoi effetti sul corpo di sicuro non lo sono altrettanto. Uno studio della Emory University di Atlanta (Usa) ha infatti scoperto che il consumo eccessivo di zucchero non si limita a causare un aumento di peso, ma anche il rischio di depressione, stress e ansia. Una dieta ad alto contenuto di fruttosio, secondo gli studiosi, altera la risposta del cervello allo stress con importanti effetti sul comportamento, specialmente durante l’adolescenza.


Questa alterazione, inoltre, aumenta l’esposizione prolungata allo stress che di conseguenza aumenta la pressione sanguigna, indebolisce il sistema immunitario, aumenta il rischio infarto e ictus, contribuisce alla sterilita’ e accelera il processo d’invecchiamento. Per arrivare a queste conclusioni gli scienziati hanno condotto una serie di esperimenti su topi adolescenti e adulti che hanno seguito una dieta standard e una ad alto contenuto di fruttosio. Dopo 10 settimane, le cavie sono state esposte a situazioni stressanti.  I topi adolescenti alimentati con cibi ad alto contenuto di fruttosio hanno prodotto piu’ cortisolo, il cosiddetto ormone dello stress, rispetto ai topi adulti.
Inoltre, le cavie giovani hanno mostrato comportamenti depressi e ansiosi.

“I nostri risultati – ha detto Constance Harrel, autrice dello studio – offrono nuove intuizioni sui modi in cui la dieta puo’ alterare la salute del cervello e puo’ portare a conseguenze importanti per la nutrizione e lo sviluppo degli adolescenti”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi