Dal CNR il ClopHensor, il biosen…

[caption id="attachment_8…

Codeina: evitarla nella cura del…

Il comitato per la Farmac…

Glioblastoma: nuove speranze arr…

Nuove speranze arrivano d…

Sedentarietà: gli esperti FMSI c…

Fare riconoscere al minis…

Obesità infantile: un gene manca…

Un 'buco' nel Dna puo' sc…

Ri-legittimato il "punto G" femm…

Una ricerca che dura da 5…

Molecola per annientare masse tu…

Due studiosi di Urbino ha…

Nuove terapie per la cura dei tu…

Roma, 3 nov - ''Nuovi far…

Un nuovo stent a rilascio di far…

Al 7° Summit internaziona…

Tumori: migliora la sopravvivenz…

I 5 big killer, i tumori …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Fumo: dieci anni di legge Sirchia, ma tra le donne cresce il numero di fumatrici

(ANSA)E’ entrata in vigore dieci anni fa, e avrebbe bisogno come minimo di un ‘tagliando’, visto che i suoi effetti sembrano ormai esauriti.


La legge Sirchia, adottata il 10 gennaio 2005, ha contribuito a ridurre molto il numero di fumatori, ma il trend sembra essersi arrestato, con la prevalenza che tra le donne è addirittura in crescita.

Secondo le cifre del rapporto curato da Istituto Superiore di Sanità e Istituto ‘Mario Negri’ di Milano i fumatori in Italia sono 11,3 milioni, pari al 22% della popolazione: 6,2 milioni di uomini (il 25,4%) e 5,1 milioni di donne (18,9%).smoking_brain Gli ex fumatori sono 6,6 milioni (il 12,8%), dei quali 4,6 milioni sono uomini e 2 milioni sono donne. Per la prima volta dal 2009 si osserva un aumento della prevalenza di fumatrici, che passano dal 15,3% del 2013 al 18,9% del 2014. Viceversa si osserva un lieve, ma costante, decremento della prevalenza di fumatori, che passano dal 26,2% al 25,4%.

Per Silvio Garattini, direttore dell’istituto ‘Mario Negri’, ”la legge Sirchia andrebbe completata con almeno due innovazioni: da una parte i divieti andrebbero aumentati ed estesi, ad esempio, agli stadi; dall’altra bisognerebbe aumentare il prezzo perchè è dimostrato che questo diminuisce i fumatori”.

Un difetto della legge, rileva Garattini, è che ha fatto terminare le campagne pubbliche contro il fumo. ”Si è pensato che la legge fosse sufficiente – spiega – e quindi da dieci anni non si vede più una campagna, mentre serve anche la sensibilizzazione”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi