Tecniche innovative per screenin…

[caption id="attachment_9…

Candidosi: triste esperienza per…

Un fungo comune ma insidi…

L'eccesso alle cure innovative è…

Al contrario di quanto so…

Bimbi prematuri: staminali ripar…

Le cellule staminali poss…

La priorità del diabete in Pugli…

Istituzioni, esperti e …

Mele: i pediatri vigilano sull'a…

A Roma il 16 Febbraio 201…

Tbc: Scoperto un nuovo meccanism…

[caption id="attachment_1…

Moderare l'apporto calorico gior…

Una ricerca sull'ambliopi…

Schizofrenia: maggiori i success…

[caption id="attachme…

Lo psicologo entra in farmacia: …

Anche a Torino e cintura,…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Peso corporeo: scoperta proteina in grado di controllarlo

Permetterà in futuro di curare diabete di tipo 2 e obesità. Lo rivela uno studio dell’Università belga di Lovanio sulle cavie da laboratorio. In Italia, oltre quattro adulti su dieci hanno qualche chilo di troppo

SI TROVA nell’intestino ‘l’arma segreta’ per controllare il peso e combattere obesità e diabete di tipo 2.

Mappa interazione Proteine umane

Mappa interazione Proteine umane

E’ una proteina che potrebbe aiutare chi combatte con la bilancia e i chili di troppo. A dimostrarlo, uno studio dell’Università Cattolica di Louvain (Ucl) in Belgio, pubblicato sulla rivista ‘Nature Communication’. Diversi studi hanno già rivelato da tempo che i microrganismi dell’intestino umano, approssimativamente 100 trilioni di batteri appartenenti a oltre 1000 specie, giocano un ruolo importante per una sana digestione. Ma ora la ricerca belga mostra che il microbiota intestinale è correlato anche ad aspetti della salute, compresi l’obesità e il diabete e che, grazie ad una proteina del sistema immunitario intestinale, è possibile influenzare la regolazione del peso corporeo.

La sperimentazione sui topi. Lo studio, condotto su topi da laboratorio, ha messo in evidenza che la disattivazione della proteina MyD88 solo nelle cellule che ricoprono l’intestino, permette di migliorare il metabolismo e consumare più energia. I ricercatori hanno reso i topi obesi e diabetici con una dieta ricca di grassi. Poi hanno indotto una mutazione per disattivare la MyD88, osservando le modificazioni del sistema immunitario dell’intestino: hanno verificato che era possibile rallentare lo sviluppo del tessuto adiposo, riducendo l’infiammazione presente nell’obesità e proteggere contro il diabete di tipo 2. Hanno dimostrato, inoltre, che i topi che non hanno questa proteina nei loro intestini, sono così protetti contro l’obesità perché consumano più energia di altri. Inoltre, che è possibile fornire una protezione parziale contro l’obesità e diabete trasferendo tramite un innesto i batteri intestinali di questi topi ad altri topi senza flora batterica.

Il 42% degli italiani è sovrappeso. Insomma in futuro riuscire a intervenire su questa proteina che si nasconde nell’intestino, potrebbe curare diverse patologie. In Italia, oltre quattro adulti su dieci (42%) sono in eccesso di peso. Percentuale che nella popolazione tra i 65 e i 75 anni di età arriva al 60% degli individui. E il problema ha ormai iniziato ad interessare anche le fasce più giovani della popolazione: secondo dati del ministero della Salute (relativi al 2010), tra i bambini di terza elementare il 22,9% è in sovrappeso e l’11,1% obeso. Dati allarmanti a causa dell’ampio spettro di complicanze acute e a lungo termine che comportano.

Le patologie. Si stima che il 23% dei casi di cardiopatia ischemica e fino al 41% di alcuni tumori sono attribuibili all’obesità o al sovrappeso. Così come il 44% dei casi di diabete tipo 2, che riguarda il 5,5% della popolazione, cioè oltre 3 milioni di italiani. Sebbene siamo ancora lontani dall’applicazione sull’uomo, la scoperta è una grande notizia poichè “per la prima volta si mostra che il sistema immunitario intestinale svolge un ruolo nella regolazione del peso”, commenta Patrice D. Cani, uno degli autori della ricerca.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!