Ricetta elettronica: solo cinque…

Solo Sicilia, Valle d'Aos…

Aiuti "di ferro" riducono l'affa…

I supplementi al ferro s…

Retina artificiale: la prima bio…

Entro cinque anni chi s…

Nasce “Regaliamo Futuro”

I pediatri italiani di SI…

Quasi 1.000 morti in meno all’an…

Secondo una recente anal…

Colesterolo: sono almeno 20 i ge…

[caption id="attachment_1…

Cannabis Terapeutica: efficace n…

La comunita' scientifica …

Al via il Tavolo Università-Prof…

Numero chiuso a Farmacia,…

Feto calcificato per 36 anni nel…

Un feto rimasto per 36 an…

L'adattamento alle circostanze a…

Colture di specie batteri…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

#Aneurisma cerebrale: primo intervento in Friuli a cuore fermo

– Primo intervento di aneurisma celebrale a “cuore fermo” presso l’Azienda ospedaliero-universitaria Ospedali Riuniti di Trieste.


E’ stato effettuato su un paziente di 57 anni. L’operazione e’ stata realizzata mediante abbassamento graduale della temperatura corporea dela paziente fino a 17/18 gradi, raggiunti i quali il cuore si e’ fermato. La durata complessiva dell’intervento e’ stata di 18 ore.   La paziente – si legge in una nota – lamentava da diversi mesi importanti disturbi alla vista per un aneurisma gigante alla carotide, quindi con rischio di rottura e emorragia cerebrale. L’equipe multidisciplinare formata da neurochirurghi, cardiochirurghi, anestesisti e neurofisiopatologi, coordina

ta dal direttore della Struttura Complessa di neurochirurgia Leonello Tacconi, ha effettuato l’intervento a cuore fermo al fine di detendere l’aneurisma e consentire l’applicazione di cinque clip al titanio.

Successivamente il sangue della paziente e’ stato riscaldato e il cuore ha ripreso a battere. Ora la paziente sta bene, l’aneurisma e’ stato escluso e la vista e’ in miglioramento.

In Italia – precisa Nicola Delli Quadri, commissario straordinario dell’Azienda ospedaliero universitaria – sono pochi i centri che hanno effettuato questo tipo di intervento, mentre a livello internazionale il centro di riferimento e’ il “Barrow Neurological Institute” di Phoenix (Arizona). Il risultato pone l’Azienda triestina fra i centri di riferimento regionali e nazionali per la patologia vascolare. (AGI)

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi