Sindrome di Rett: una cura a bas…

Si aprono nuovi possibili…

La pillola dimagrante considerat…

[caption id="attachment_6…

CCSVI: nasce l’Associazione Nazi…

VENERDI’ 9 APRILE 2010: L…

Il ruolo del cromosoma X nella p…

Il cromosoma femminil…

Malattie della tiroide nei bambi…

I sintomi vengono attribu…

Palatoschisi: quella canina aiut…

Un gruppo di scienziati d…

Un brainstorming di due giorni p…

Tempesta di Cervelli, i…

Sviluppo dell'epilessia temporal…

[caption id="attachme…

Da Pisa uno studio sulle funzion…

Il team del laboratorio d…

Ortofonologia: non vi sono corre…

''I Disturbi specifici d…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

#Aneurisma cerebrale: primo intervento in Friuli a cuore fermo

– Primo intervento di aneurisma celebrale a “cuore fermo” presso l’Azienda ospedaliero-universitaria Ospedali Riuniti di Trieste.


E’ stato effettuato su un paziente di 57 anni. L’operazione e’ stata realizzata mediante abbassamento graduale della temperatura corporea dela paziente fino a 17/18 gradi, raggiunti i quali il cuore si e’ fermato. La durata complessiva dell’intervento e’ stata di 18 ore.   La paziente – si legge in una nota – lamentava da diversi mesi importanti disturbi alla vista per un aneurisma gigante alla carotide, quindi con rischio di rottura e emorragia cerebrale. L’equipe multidisciplinare formata da neurochirurghi, cardiochirurghi, anestesisti e neurofisiopatologi, coordina

ta dal direttore della Struttura Complessa di neurochirurgia Leonello Tacconi, ha effettuato l’intervento a cuore fermo al fine di detendere l’aneurisma e consentire l’applicazione di cinque clip al titanio.

Successivamente il sangue della paziente e’ stato riscaldato e il cuore ha ripreso a battere. Ora la paziente sta bene, l’aneurisma e’ stato escluso e la vista e’ in miglioramento.

In Italia – precisa Nicola Delli Quadri, commissario straordinario dell’Azienda ospedaliero universitaria – sono pochi i centri che hanno effettuato questo tipo di intervento, mentre a livello internazionale il centro di riferimento e’ il “Barrow Neurological Institute” di Phoenix (Arizona). Il risultato pone l’Azienda triestina fra i centri di riferimento regionali e nazionali per la patologia vascolare. (AGI)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: