Sindrome di Barth riprodotta su …

Per la prima volta è stat…

Linee Guida ESPID per la polmoni…

Società Europea di Infe…

Tumori: PSA non sempre e' test a…

L'esame del PSA (antigene…

Un trapianto di polmoni con una …

Al Policlinico di Milano…

Tumori: scoperto il fingerprint …

Indipendentemente dal lor…

Alzheimer: tre nuovi biomarker p…

Per la malattia di Alzhei…

Ricercatori fanno luce sulle imp…

[caption id="attachment_7…

La musica del cervello, italiani…

[caption id="attachment_1…

Il DNA del merluzzo svela i segr…

Sequenziando il genoma de…

Decadimento muscolare: scoperta …

[caption id="attachment_6…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Ansia e sedentarietà: due stati della mente che dipendono come causa ed effetto

La sedentarietà non fa solo ingrassare. Questa nemica della salute potrebbe infatti avere effetti negativi anche a livello psicologico, aumentando il rischio di sviluppare forme di ansia.


A suggerirlo sono i risultati di diversi studi rianalizzati da un gruppo di ricercatori del Centre for Physical Activity and Nutrition Research della Deakin University, in Australia. I risultati ottenuti, pubblicati sulla rivista BMC Public Health, sembrano lasciare spazio a pochi dubbi: spendere molto tempo impegnati in attività sedentarie come guardare la televisione, lavorare al computer o giocare ai videogiochi è una cattiva abitudine associata all’aumento del rischio di ansia.brain-anxiety-study1

“Nella nostra società moderna stiamo osservando un aumento dei sintomi dell’ansia che sembra seguire parallelamente l’aumento dei comportamenti sedentari – spiega Megan Teychenne, primo nome dello studio – Per questo ci siamo interessati a studiare se questi due fattori fossero realmente collegati”.

I risultati di questa nuova analisi, basata sui risultati di 9 diverse ricerche sul tema, suggeriscono che valga la pena di studiare più approfonditamente il legame che li unisce.

“E’ importante comprendere i fattori comportamentali che potrebbero essere associati all’ansia –sottolineaTeychenne – per essere in grado di sviluppare strategie per prevenire e gestire questo disturbo che siano basate su prove concrete. La nostra ricerca – conclude l’autrice – ha dimostrato che esistono prove che suggeriscono un’associazione positiva tra il tempo passato stando seduti e i sintomi dell’ansia”.

E’ la stessa Teychenne, però, ad avvertire: bisogna ancora capire se è la sedentarietà ad aumentare l’ansia o se è quest’ultima a spingere a comportamenti sedentari.

1 comment

  1. Pingback: Fabio Bernardi Ansia e sedentarietà: due stati della mente che dipendono come causa ed effetto - Fabio Bernardi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: