150 convegni in tutta Italia per…

Assogenerici, al via la…

Protesi neuromuscolari: possibil…

L'intenzione di movimento…

Antibiotici che mettono a rischi…

Alcuni tipi di antibiotic…

Tumori: importante la permeabili…

La permeabilita' intestin…

Artrite: uno studio rivela i mec…

Alleviare il dolore conse…

Metabolismo: la proteina che all…

L'attivazione indotta del…

Malattie epatiche: l'ormone grel…

[caption id="attachment_6…

Antibiotici prima dei 6 mesi di …

Trattare i bambini molto …

Distrofia di Duchenne: anche un …

[caption id="attachment_1…

Diagnosi preimpianto per diventa…

Diventare genitori grazi…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Frutti rossi: due o tre porzioni al dì, per bruciare il grasso in eccesso

Due o tre porzioni di frutti di bosco al giorno possono trasformare il grasso in eccesso in “grasso bruno”, ovvero in calorie che vengono bruciate per produrre energia. E il vino potrebbe avere lo stesso effetto.

Almeno questo e’ quanto emerso da uno studio della Washington State University, pubblicato sull’International Journal of Obesity. La chiave dell’effetto anti-obesita’ dei frutti di bosco, cosi’ come del vino, e’ il resveratrolo, una sostanza gia’ associata in passato a diversi benefici per la salute. Ora i ricercatori americani hanno condotto una serie di test sui topi a cui e’ stata data una dose della sostanza equivalente a circa 340 grammi di frutta al giorno negli adulti.frutti_bosco5 Ebbene, nonostante i topi abbiano seguito una dieta ricca di grassi, hanno acquisito il 40 per cento di peso in meno rispetto agli animali che non hanno assunto il resveratrolo.

Lo studio ha dimostrato che i topi a cui e’ stata data la sostanza sono stati in gradi di convertire il “grasso bianco” in eccesso in “grasso bruno”, cioe’ in quello che brucia le calorie, riducendo l’aumento di peso. “I polifenoli nella frutta, tra cui il resveratrolo, aumentano l’espressione del gene che incrementa l’ossidazione dei grassi alimentari in modo che il corpo non venga sovraccaricato”, ha detto Min Du, autore dello studio.

“Essi convertono il grasso bianco in ‘grasso bruno’ che brucia i lipidi (grassi), prevenendo l’obesita’ e le disfunzioni metaboliche”, ha concluso.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi