Studio USA: troppo zucchero da g…

Uno studio pubblicato su …

Zohydro, l'oppioide della discor…

L'immissione sul mercato …

Medtronic lancia il primo defibr…

CARDIOLOGIA - Per i pazie…

Fibrosi polmonare idiopatica: un…

''Lo scorso anno, proprio…

Previnire l'infarto? Rischio tra…

[caption id="attachment_6…

Cellule staminali: il loro poter…

Come fanno le cellule sta…

Cardiologia: nuovo test sui bimb…

I bambini che riferiscono…

Sclerosi Multipla: una ricerca r…

Un gruppo di scienziati r…

Una donna su dieci ha un grave s…

Alla Mangiagalli sviluppa…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Giornata Mondiale Sclerosi Multipla: la Società Italiana di Neurologia sottolinea i risultati della ricerca scientifica sulle nuove opportunità terapeutiche per curare le forme primariamente progressive della patologia

SINRoma, 24 maggio 2016 – In occasione della Giornata Mondiale della Sclerosi Multipla (SM), che si celebrerà domani 25 maggio, la Società Italiana di Neurologia sottolinea i progressi della ricerca scientifica nella SM: dagli ultimi studi sono emersi risultati importanti nella scoperta di terapie per le forme primariamente progressive della malattia che, fino a oggi, non potevano essere curate.

“Il 2016 – afferma Giancarlo Comi, Direttore Dipartimento Neurologico e Istituto di Neurologia Sperimentale, Università Vita-Salute San Raffaele, Ospedale San Raffaele di Milano – si prospetta come un anno di svolta nella sclerosi multipla: le associazioni di pazienti di numerose nazioni stanno concentrando gli sforzi in un’importante iniziativa mondiale che mi vede come co-coordinatore, la Progressive MS Alliance (PMSA), con l’obiettivo di accelerare il processo di conoscenze sulle caratteristiche patogenetiche della forma progressiva della sclerosi multipla al fine di sviluppare nuove ed efficaci terapie.


A tal proposito, sono stati presentati recentemente i risultati di Ocrelizumab, il primo farmaco in grado di ridurre significativamente il rischio di evoluzione della disabilità nelle forme primariamente progressive della patologia; buoni anche i risultati dello studio in fase 2 di Biotina, altro farmaco che fa ben sperare nelle forme primarie”.

La Sclerosi multipla è una malattia infiammatoria del sistema nervoso centrale che colpisce circa 2,5 milioni di persone al mondo, di cui 600.000 solo in Europa e circa 70.000 in Italia.

Solitamente insorge tra i 20 e 40 anni con una frequenza due volte superiore nelle donne.

Si tratta di una malattia cronica che provoca lesioni a carico del sistema nervoso centrale e che può provocare un’importante limitazione del cammino e della funzione visiva.

I sintomi più comuni sono perdita di equilibrio, cattiva coordinazione, tremori, disturbi del linguaggio, vista sfocata

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi