L'invecchiamento è collegato al …

L'invecchiamento è una pa…

Fecondazione eterologa: sulla do…

“In qualità di società sc…

SLA: diagnosi precoce e certa pe…

[caption id="attachment_1…

Risparmio nel medio –- lungo ter…

RISPARMIO NEL MEDIO – LUN…

Lo strano caso del polpo con l'e…

[caption id="attachment_4…

Life-history traits may affect D…

For the first time, r…

Tumori ai polmoni: spettroscopia…

[caption id="attachment_9…

La prima volta dell'antinfluenza…

Per la prima volta l'Agen…

Alzheimer: una nuova proteina gu…

[caption id="attachme…

Salmonella ipervirulenta: dagli …

Individuato un metodo per…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Svelate cellule del sistema nervoso che restano “marchiate” dal dolore

cellule_nervoseLa scoperta di una ricercatrice che per i suoi studi, già nel 2014,

si era aggiudicata l’EFIC-Grünenthal Grant      

Milano, 24 maggio 2016 – È una delle vincitrici dell’EFIC-Grünenthal Grant 2014 la ricercatrice del King’s College di Londra che ha individuato le “cellule che ricordano il dolore”. Impegnata da anni nello studio dei meccanismi epigenetici che si riteneva potessero essere all’origine del meccanismo di cronicizzazione del dolore, la dottoressa Franziska Denk, PhD. conseguito all’Università di Oxford, ha finalmente scoperto che alcune cellule immunitarie del sistema nervoso – sinora studiate in un campione murino – mantengono una “memoria” delle lesioni nervose.

In sostanza, attraverso una serie di analisi genetiche sui topi, il gruppo di studio guidato dalla ricercatrice ha confermato che qualsiasi evento dannoso – un trauma, una lesione o anche l’infiammazione persistente dovuta a una patologia – lascia una sorta d’impronta indelebile sul DNA di queste cellule, presenti nel sistema nervoso e deputate a suscitare una risposta immunitaria. Quest’impronta è “indelebile” nel senso che persiste anche quando ne è cessata la causa – ossia il danno o l’infiammazione –: proprio ciò che avviene quando il dolore, cronicizzandosi, diventa indipendente dalla propria causa nocicettiva e diviene pertanto una malattia autonoma.

Gli studi della dottoressa Denk hanno inoltre chiarito che l’“impronta” che il dolore lascia sulle cellule immunitarie del sistema nervoso consiste in una vera e propria modificazione chimica, la quale tuttavia non altera i geni, ma soltanto la loro espressione: una descrizione, del più intimo meccanismo di cronicizzazione del dolore, del tutto coerente con il modello della plasticità del sistema nervoso, con il quale sino ad oggi è stato spiegato il processo di cronicizzazione.

Si tratta di scoperte che rappresentano un passo avanti importante verso una più compiuta comprensione del meccanismo di cronicizzazione del dolore, e quindi verso la concreta possibilità di intervenire su questo processo attraverso terapie sempre più mirate ed efficaci, in grado non solo di “mettere a tacere” la sofferenza inutile, ma di curarla in senso proprio, cioè di agire sulle sue cause

Nel 2014 – dichiara Thilo Stadler, General Manager South Europe and Nordics di Grünenthalassegnammo l’EFIC-Grünenthal Grant alla dottoressa Denk proprio per i suoi studi che puntavano a svelare il meccanismo di cronicizzazione del dolore in base a una possibile relazione fra caratteristiche epigenetiche e persistenza della sofferenza inutile. Il premio, promosso sin dal 2004 dalla European Pain Federation Efic grazie al sostegno incondizionato di Grünenthal GmbH, ha l’obiettivo di aiutare i giovani ricercatori di tutta Europa a tradurre in reali progetti scientifici le proprie ipotesi sperimentali. Quindi oggi siamo orgogliosi di apprendere che anche il nostro piccolo contributo è servito ad alimentare un filone di ricerca così importante, che ha consentito davvero alla scienza di fare un salto in avanti verso la definitiva soluzione dell’enigma del dolore cronico”.  

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi