Polline: 1,2 milioni di bambini …

In Italia, tra marzo e a…

Cancro al seno e obesita': scope…

Un comune "mantra" che ci…

Barbecue non proprio 'salubre': …

[caption id="attachment_7…

Sistema immunitario e nanopartic…

La nanotecnologia è un'in…

Linagliptin compresse ottiene pa…

La nuova indicazione pr…

Protesi PIP e Codacons: per il T…

"Il Tar del Lazio, con un…

Dal Nilo, sulle mummie, la stori…

Già 1500 anni fa, le prat…

La corretta interpretazione dell…

E' stata considerata inut…

Quale futuro per il nostro Servi…

CEIS, Il Sole 24 Ore Sani…

Tumori del seno: TAZ, un gene ch…

Si chiama TAZ ed è il gen…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

EMA ad Amsterdam, Annarosa Racca: “Giusti i rilievi del Presidente Scaccabarozzi: doveroso riaprire la partita”

Milano, 30 gennaio 2018 – Il presidente di Farmindustria, Massimo Scaccabarozzi, ha evidenziato il nodo di fondo: se l’assegnazione della nuova sede EMA ad Amsterdam è da considerarsi viziata, l’Italia ha non solo il diritto, ma un vero e proprio dovere di riaprire la questione”. Così Annarosa Racca, Presidente di Federfarma Lombardia.

“Il doppio trasloco paventato da Guido Rasi – prosegue Annarosa Racca –finirebbe tra l’altro per avere ricadute negative sulla salute dei cittadini europei. All’inizio del processo di selezione della nuova sede EMA, le questioni logistiche e la disponibilità di spazi adeguati per i dipendenti dell’Agenzia figuravano tra i primissimi requisiti della città ospitante, ritenuti indispensabili per garantire continuità al lavoro dell’Agenzia e non causare ritardi nel processo di approvazione dei nuovi farmaci. A fronte di queste stringenti richieste iniziali, dopo l’assegnazione della sede EMA ad Amsterdam abbiamo sentito parlare prima di evidenti ritardi nella messa a disposizione dei nuovi uffici dell’Agenzia, e oggi di prospettive francamente paradossali, come quella di sedi provvisorie e traslochi a singhiozzo. Tutto ciò – conclude la Presidente Racca – quando Milano ha le credenziali migliori per ospitare l’Agenzia, fra le quali lo Human Technopole e la Città della Salute, che fanno del capoluogo lombardo un vero hub dell’eccellenza europea nelle scienze della vita, e una sede, come il Pirellone, che di certo non ha confronti in Europa in termini di rappresentatività, capienza e comfort logistici”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi