Ormone 'dimagrante' risiede nel …

Il cuore è il primo musco…

Fibrillazione atriale: antidolor…

L'uso degli antidolorifi…

Virologia: l'ipotesi della pompa…

[caption id="attachment_9…

Ansia e depressione: silenziando…

Un esperimento che almeno…

Sensibilità al glutine non celia…

La rivista scientifica “N…

Alti livelli di vitamina D contr…

[caption id="attachment_6…

Al Policlinico Gemelli di Roma e…

L’intervento è stato cond…

Cancro al colon: individuata pro…

Una nuova ricerca della W…

Anemia di Fanconi curata in vitr…

[caption id="attachment_9…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

LA MEDICINA DIVENTA ARTE: UNA RISONANZA MAGNETICA COME MUSA

  • Il radiologo francese Denis Ducreux cattura le immagini del cervello utilizzando una risonanza GE Healthcare di ultima generazione. E le trasforma in meravigliose opere d’arte.

Parigi, 12 febbraio 2019 – Filamenti e sfere dai colori vivissimi fanno subito viaggiare la fantasia di chi guarda questi originali referti medici. Subito si cerca di dare una forma e un’interpretazione all’immagine che si ha davanti agli occhi: sono la rappresentazione 3D di un cervello analizzati da una risonanza magnetica.

L’idea di trasformare in opere d’arte i risultati di un esame medico è venuta a Denis Ducreux, radiologo francese, professore di neuroradiologia dell’Università di Paris-Sud e capo del dipartimento di neuroradiologia diagnostica dell’ospedale di Bicêtre in Francia. Lo specialista – che da 15 anni crea rendering artistici a partire da immagini di risonanza magnetica – utilizza dal 2017 un macchinario di ultima generazione di GE Healthcare per catturare le immagini grezze del cervello per poi rielaborarle usando un software di neuroimmagini sviluppato da lui stesso, che gli permette di tracciare le fibre dell’organo. L’apparecchiatura utilizzata gli permette di vedere i piccoli dettagli nel cervello, dettagli che hanno illuminato tutte le immagini impressionanti che ha creato.

 

Nelle sue immagini e nei suoi video ha evidenziato con sfere verdi la materia grigia del cervello e con linee rosse i percorsi della materia bianca. Più grandi sono le sfere, più ci sono connessioni tra loro e lungo il percorso della materia bianca, maggiore è la connessione neurale.

I fasci limbici sono le autostrade ‘inconsce’ o ‘istintive’ del cervello, legate ai ricordi, al comportamento e alle emozioni. Ecco perché tutte le mie immagini si concentrano sul sistema limbico perché è il centro dell’inconscio“, dice il Dottor Ducreux.

Nonostante queste particolari immagini non vengano utilizzate per scopi diagnostici, lo studio in alta qualità del sistema limbico attraverso la risonanza magnetica, è fondamentale per la ricerca e per capire come funziona l’elaborazione emotiva degli esseri umani. Si tratta della parte del cervello che supporta l’emozione, il comportamento, la motivazione, la memoria a lungo termine e l’olfatto. È il centro della vita emotiva degli esseri umani ed è fondamentale nella formazione dei ricordi. Il radiologo spiega che questo tipo di imaging potrebbe aiutare la comunità medica a comprendere disturbi complessi come le malattie mentali e la dipendenza. Con le immagini della risonanza magnetica è possibile tracciare le fibre del cervello fornendo un’altra visione delle strutture cerebrali e delle sue funzioni. Per un medico queste immagini potrebbero essere potenzialmente utili per identificare quale parte del cervello è danneggiata o funziona normalmente.

 

Il sistema limbico si riferisce al tempio interiore dell’uomo, l’inconscio, dove si elaborano il comportamento, le emozioni, la memoria“, spiega il medico. “Con le immagini della risonanza magnetica è possibile tracciare le fibre del cervello, il che fornisce un’altra visione delle strutture cerebrali e delle sue funzioni. Per un medico queste immagini potrebbero essere potenzialmente utili per identificare quale parte del cervello è danneggiata o funziona normalmente“.

 

***

 

GE Healthcare

GE Healthcare è la divisione medicale di General Electric (NYSE: GE). In qualità di società leader nella fornitura di soluzioni per l’imaging medico, il monitoraggio, la bioproduzione e di tecnologie per terapie cellulari e geniche, GE Healthcare consente un’assistenza di precisione nella diagnostica, nella terapia e nel monitoraggio attraverso dispositivi intelligenti, analisi dei dati, applicazioni e servizi.  Con un fatturato di 19 miliardi di dollari, più di 100 anni di esperienza nel settore e oltre 50.000 dipendenti in tutto il mondo, l’azienda contribuisce a migliorare l’assistenza sanitaria offrendo risultati migliori per i pazienti, i fornitori di servizi sanitari, i ricercatori e le aziende del settore life science. Seguici su Facebook, LinkedIn, Twitter o sul portale The Pulse per le ultime news. Visita il sito http://www3.gehealthcare.it/ per ulteriori informazioni.

 

Archivi