Eliminare morbillo e rosolia ent…

Si conclude oggi a Roma i…

Melanoma: nel potenziale di memb…

Un cambiamento nel potenz…

Scienziati scoprono meccanismo d…

Scienziati provenienti da…

Evoluzione nei batteri: il mecca…

Anche se le fonti di dive…

Connessioni tra apnee notturne e…

I disturbi respiratori ne…

Rapamicina: ecco come rallenta l…

Scienziati dell'Univers…

Cereali, verdure e frutta: la co…

Il 7 aprile si celebra co…

Bambini e allergie alimentari, q…

Le allergie alimentari so…

L'alcol "al femminile" è più spi…

Le donne che assumono bev…

NASCE LA COMMUNITY DEGLI #HYPOHE…

Milano, 14 novembre 2016 …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Steatoepatite: assolto il fruttosio, che non aggrava né incide

Il consumo di fruttosio non e’ associabile all’incremento di casi di steatoepatite non alcolica, malattia del fegato grasso non-alcolico.


Lo ha dimostrato un nuovo studio pubblicato sullo ‘European Journal of Clinical Nutrition’ condotto da John Sievenpiper del Clinical Nutrition and Risk Factor Modification Centre del St.
Michael’s Hospital di Toronto. SteatosisIl possibile collegamento con la steatosi epatica non-alcolica e’ la principale critica recentemente mossa contro il fruttosio da coloro che ritengono che nel monosaccaride ci sia qualcosa di specificamente dannoso da una prospettiva metabolica associato all’incremento dell’obesita’.

La ricerca afferma che al fruttosio in se’ non e’ attribuibile la colpa dell’aumento della malattia del fegato non alcolica. Mentre il consumo eccessivo di calorie puo’ contribuire significativamente all’insorgenza della patologia, indipendentemente dal fatto che le calorie provengano dal fruttosio o da altri carboidrati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: