Il farmaco deve restare sul terr…

Nel corso del convegno “F…

Dolore cronico: 26 febbraio gior…

Dolore cronico: ne soffro…

Leucemia Linfoblastica Acuta: sc…

Uno studio pubblicato su …

Test HIV: arriva una app per que…

Un'applicazione fa da gui…

L’Italia dice addio alla fenform…

L’allarme, lanciato …

Tumori al seno: Anticorpi armati…

[caption id="attachment_9…

Infiammazioni intestinali: più f…

Non ricevere un tipo di a…

Plasmobot: muffa intelligente ch…

[caption id="attachment_2…

Neuroni specializzati nella dist…

Alcune ricerche condotte…

Rebif® (interferone beta-1a), il…

·         10 anni ded…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Steatoepatite: assolto il fruttosio, che non aggrava né incide

Il consumo di fruttosio non e’ associabile all’incremento di casi di steatoepatite non alcolica, malattia del fegato grasso non-alcolico.


Lo ha dimostrato un nuovo studio pubblicato sullo ‘European Journal of Clinical Nutrition’ condotto da John Sievenpiper del Clinical Nutrition and Risk Factor Modification Centre del St.
Michael’s Hospital di Toronto. SteatosisIl possibile collegamento con la steatosi epatica non-alcolica e’ la principale critica recentemente mossa contro il fruttosio da coloro che ritengono che nel monosaccaride ci sia qualcosa di specificamente dannoso da una prospettiva metabolica associato all’incremento dell’obesita’.

La ricerca afferma che al fruttosio in se’ non e’ attribuibile la colpa dell’aumento della malattia del fegato non alcolica. Mentre il consumo eccessivo di calorie puo’ contribuire significativamente all’insorgenza della patologia, indipendentemente dal fatto che le calorie provengano dal fruttosio o da altri carboidrati.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!