Mele: i pediatri vigilano sull'a…

A Roma il 16 Febbraio 201…

Allattamento al seno: sei mesi p…

Le mamme che allattan…

Hantavirus: sviluppato un vaccin…

Prodotto per la prima vol…

Aspartame: torna a far parlare d…

Nuovi sospetti per l'aspa…

LILT: la solidarietà si veste di…

Giorgia Surina madrina de…

Parkinson: impiantato prima sist…

E' stato effettuato in …

Rara malattia dermatologica: sco…

[caption id="attachment_8…

Chemioterapia personalizzabile p…

Il piu' grande studio si…

Creatività e psicosi condividono…

[caption id="attachment_1…

IL RUOLO DELLA AUTOIMMUNITÀ TIRO…

Kris Poppe*, Brigitte V…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Steatoepatite: assolto il fruttosio, che non aggrava né incide

Il consumo di fruttosio non e’ associabile all’incremento di casi di steatoepatite non alcolica, malattia del fegato grasso non-alcolico.


Lo ha dimostrato un nuovo studio pubblicato sullo ‘European Journal of Clinical Nutrition’ condotto da John Sievenpiper del Clinical Nutrition and Risk Factor Modification Centre del St.
Michael’s Hospital di Toronto. SteatosisIl possibile collegamento con la steatosi epatica non-alcolica e’ la principale critica recentemente mossa contro il fruttosio da coloro che ritengono che nel monosaccaride ci sia qualcosa di specificamente dannoso da una prospettiva metabolica associato all’incremento dell’obesita’.

La ricerca afferma che al fruttosio in se’ non e’ attribuibile la colpa dell’aumento della malattia del fegato non alcolica. Mentre il consumo eccessivo di calorie puo’ contribuire significativamente all’insorgenza della patologia, indipendentemente dal fatto che le calorie provengano dal fruttosio o da altri carboidrati.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x