Polmonite: quale proteina sfrutt…

La Pseudomonas Aerugino…

Gonorrea: allarme per una forma …

Allarme 'super-gonorrea' …

Alzheimer: la massa cerebrale re…

Ogni anno chi sta per svi…

Epstein-Barr e Sclerosi multipla…

Uno studio della Fondaz…

Tumore al polmone: terapie molec…

Fino a qualche anno fa un…

Ratto robot con i baffi dà nuovo…

[caption id="attachment_1…

Fecondazione assistita: con agop…

Agopuntura e medicina cin…

Il Mese Europeo del cervello: pr…

Per celebrare il Mese e…

15 anni di Legge Sirchia contro …

Presentati i dati della C…

Informatica organica: italiani f…

[caption id="attachment_6…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Steatoepatite: assolto il fruttosio, che non aggrava né incide

Il consumo di fruttosio non e’ associabile all’incremento di casi di steatoepatite non alcolica, malattia del fegato grasso non-alcolico.


Lo ha dimostrato un nuovo studio pubblicato sullo ‘European Journal of Clinical Nutrition’ condotto da John Sievenpiper del Clinical Nutrition and Risk Factor Modification Centre del St.
Michael’s Hospital di Toronto. SteatosisIl possibile collegamento con la steatosi epatica non-alcolica e’ la principale critica recentemente mossa contro il fruttosio da coloro che ritengono che nel monosaccaride ci sia qualcosa di specificamente dannoso da una prospettiva metabolica associato all’incremento dell’obesita’.

La ricerca afferma che al fruttosio in se’ non e’ attribuibile la colpa dell’aumento della malattia del fegato non alcolica. Mentre il consumo eccessivo di calorie puo’ contribuire significativamente all’insorgenza della patologia, indipendentemente dal fatto che le calorie provengano dal fruttosio o da altri carboidrati.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!