Il Policlinico di Milano non dec…

In merito all'articolo pu…

Atrofia muscolare spinale: ident…

Identificato un biomarca…

I circuiti cerebrali che control…

[caption id="attachment_7…

Milano all’avanguardia nel tratt…

Dottor Maurizio Cremona, …

Chemioterapia: quando una moleco…

[caption id="attachment_9…

Parkinson: ecco perché i neuroni…

[caption id="attachment_3…

Dieta mediterranea salvaguarda s…

Seguire la dieta mediterr…

San Valentino è il protettore de…

Martedì 14 febbraio 2012 …

Speciali occhiali che scovano ca…

Speciali occhiali verdi c…

Prima tiroide in provetta da cel…

Funziona regolarmente ed …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Steatoepatite: assolto il fruttosio, che non aggrava né incide

Il consumo di fruttosio non e’ associabile all’incremento di casi di steatoepatite non alcolica, malattia del fegato grasso non-alcolico.


Lo ha dimostrato un nuovo studio pubblicato sullo ‘European Journal of Clinical Nutrition’ condotto da John Sievenpiper del Clinical Nutrition and Risk Factor Modification Centre del St.
Michael’s Hospital di Toronto. SteatosisIl possibile collegamento con la steatosi epatica non-alcolica e’ la principale critica recentemente mossa contro il fruttosio da coloro che ritengono che nel monosaccaride ci sia qualcosa di specificamente dannoso da una prospettiva metabolica associato all’incremento dell’obesita’.

La ricerca afferma che al fruttosio in se’ non e’ attribuibile la colpa dell’aumento della malattia del fegato non alcolica. Mentre il consumo eccessivo di calorie puo’ contribuire significativamente all’insorgenza della patologia, indipendentemente dal fatto che le calorie provengano dal fruttosio o da altri carboidrati.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x