Procreazione assistita: il sì de…

Il Regno Unito potreb…

Bendaggio gastrico: non si ripre…

Dopo dieci anni non c'è p…

Operazione al menisco: singola i…

Una singola iniezione di …

XXVII Congresso Nazionale Societ…

15 -18 Ottobre 2015 Hote…

Tessuti e organi umani 'in vitro…

[caption id="attachment_1…

SIPPS: “Regaliamo Futuro” presen…

Roma – Dalla creativi…

Cancro alla prostata: il ruolo d…

E' un enzima a determinar…

GABA, la molecola che ritarda la…

[caption id="attachment_9…

Uno spray genetico contro un vir…

[caption id="attachment_7…

Vitamina D nei giovani: condizio…

[caption id="attachment_6…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Fino al 31 dicembre #nonmiarrendo l’iniziativa di Stelle del Pulito a favore di Telethon

LE STELLE DEL PULITO AL SERVIZIO DELLA RICERCA

PROCTER & GAMBLE AL FIANCO DI FONDAZIONE TELETHON

in favore della ricerca sulle malattie genetiche rare degli istituti SR-Tiget di Milano e Tigem di Pozzuoli

Milano, ottobre 2016 – Dopo la collaborazione con Make a Wish Italia Onlus che ha portato a realizzare dieci desideri di bambini gravemente ammalati, le marche P&G per la cura della casa rinnovano anche quest’anno il proprio impegno a favore di cause sociali, sostenendo con l’iniziativa “Le stelle del pulito” la ricerca di Fondazione Telethon e in particolare quella degli istituti SR-Tiget di Milano e Tigem di Pozzuoli (Napoli).

Infatti, attraverso «Le stelle del pulito», l’iniziativa con cui da oltre dieci anni le marche per la Pulizia della Casa – Fairy, Mastro Lindo, Ambipur, Swiffer e Viakal – diventano protagonisti della grande distribuzione italiana mettendo in palio sconti e promozioni, P&G offre un aiuto prezioso alla ricerca scientifica al fianco di Fondazione Telethon.stelle-del-pulito

Il meccanismo è semplice: fino al 31 dicembre basta acquistare con un unico scontrino 3 prodotti Stelle del Pulito, fare una foto dello scontrino e caricarlo sul sito www.lestelledelpulito.it e per ogni scontrino inserito, P&G donerà 3 euro a Fondazione Telethon per la ricerca sulle malattie genetiche rare, sostenendo le attività di ricerca dei centri di avanguardia SR-Tiget e Tigem.

In particolare, l’Istituto San Raffaele Telethon per la terapia genica, l’SR-Tiget, è un istituto di ricerca nato nel 1995 da una joint venture con il San Raffaele di Milano e specializzato nella terapia genica. Un istituto che, con la direzione del prof. Luigi Naldini, rappresenta il principale investimento di Fondazione Telethon nella terapia genica e che ha sperimentato una terapia rivoluzionaria capace di sfruttare il virus dell’HIV, renderlo innocuo e “riprogrammarlo”, per modificare il DNA all’interno delle cellule. Il tutto con 119 persone impiegate nel gruppo di ricerca e un investimento da 65 milioni di euro.

«Facciamo ricerca traslazionale, ovvero dal bancone di laboratorio al letto del malato. È uno scambio continuo tra medici e pazienti. Un’esperienza entusiasmante e che riguarda malattie come la talassemia o l’emofilia. Qui sono stati curati per la prima volta bambini affetti da malattie come l’ADA-SCID – la patologia del sistema immunitario per cui i bambini che ne sono affetti non possono difendersi neppure da un raffreddore o dalla varicella, tanto da essere definiti “I bambini bolla” – o dalla sindrome di Wiskott-Aldrich – malattia caratterizzata da un deficit del sistema immunitario, che espone chi ne è affetto a rischi di infezioni, malattie autoimmuni e problemi della coagulazione -. È molto emozionante vedere questi bambini tornare a sorridere, essere finalmente in salute. È questo il più grande successo di un polo d’eccellenza come l’SR-Tiget in cui speriamo di riuscire ad aiutare sempre più persone, anche grazie a Fondazione Telethon, ai nostri ricercatori e a tutti coloro che sostengono il nostro lavoro» – ha dichiarato la prof.ssa Giuliana Ferrari, scienziata dell’Istituto San Raffaele Telethon per la terapia genica, coordinatrice di un’unità di ricerca dedicata allo sviluppo di una strategia di terapia genica efficace per la cura della talassemia. Giuliana Ferrari ricopre inoltre il ruolo di professore associato di Biologia molecolare presso l’Università Vita-Salute San Raffaele di Milano.

L’Istituto Telethon di genetica e medicina, Tigem di Pozzuoli (Napoli), fondato invece nel 1994, è specializzato nella ricerca di base e traslazionale orientate all’applicazione clinica. Diretto dal Prof. Andrea Ballabio, il Tigem concentra la propria missione sulla comprensione dei meccanismi alla base delle malattie genetiche, con l’obiettivo di sviluppare strategie preventive e terapeutiche.

 

 

 

170 sono i ricercatori in forza al Tigem per 14 gruppi di ricerca indipendenti e un investimento da oltre 56 milioni di euro.

 

Tra le malattie studiate: la fibrosi cistica, la mucopolisaccaridosi, la retinite pigmentosa, la iperossaluria e malattie neurodegenerative come la malattia di Parkinson e la malattia di Huntington. Il Tigem, inoltre, è uno dei pochi laboratori al mondo che si occupa della mucopolisaccaridosi di tipo 6 – malattia gravissima che comporta l’accumulo di materiale non smaltito nelle cellule con conseguenti deformità scheletriche, problemi di vista e scompenso cardiaco.

 

«Le emozioni che si avvertono quando si stringono le mani delle persone per le quali si lavora sono indescrivibili. A me capita con i bambini affetti da sindrome di Lowe – malattia che comporta anomalie a carico di occhio, sistema nervoso centrale e rene con la possibilità di sviluppare glaucoma, ritardo mentale e dello sviluppo motorio, convulsioni, disturbi del comportamento, insufficienza renale, bassa statura, tendenza a sviluppare rachitismo, fratture ossee, scoliosi e problemi articolari -. Quando incontro i loro sguardi, provo soddisfazione per la scoperta scientifica fatta e orgoglio perché so di aver fatto qualcosa di utile per persone che ne avevano davvero bisogno. Per questo diciamo grazie a tutti coloro che scelgono di aderire all’iniziativa di P&G, di sostenere il nostro lavoro e di dare un aiuto concreto a quanti hanno bisogno di noi» – ha dichiarato la prof.ssa Antonella De Matteis, scienziata delll’Istituto Telethon di genetica e medicina di Pozzuoli (Napoli) dove dirige un gruppo di ricerca dedicato alla biologia cellulare delle malattie genetiche. In particolare, Antonella De Matteis studia i meccanismi che regolano lo scambio (il “traffico”) di componenti tra i vari compartimenti che costituiscono le nostre cellule e le malattie genetiche, come la sindrome di Lowe, in cui questi meccanismi risultano alterati.

 

«Siamo molto contenti di aver intrapreso questa nuova avventura al fianco di Fondazione Telethon. “Le Stelle del Pulito” è un’iniziativa che già in passato ha espresso una sua vocazione sociale consentendoci di dare un aiuto concreto a chi ne ha bisogno, convogliando anche il prezioso supporto degli italiani. Una generosità che siamo certi ritroveremo anche questa volta e che ci permetterà di fare tanto, tantissimo, per questi due poli di eccellenza della ricerca di Fondazione Telethon» – ha dichiarato Francesca De Palma, Responsabile Relazioni Esterne di P&G per il settore cura della casa. «P&G è stata un vero pioniere del sociale in Italia, dove ha realizzato in oltre 25 anni decine di progetti al fianco di molte organizzazioni e ONLUS, sempre mirati al sostegno dei bambini e delle loro famiglie. P&G e Fondazione Telethon hanno già collaborato con successo in altri progetti e siamo orgogliosi di poter avviare una nuova collaborazione per sostenere la ricerca di Fondazione Telethon.

 

 

Per maggiori informazioni: www.stelledelpulito.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: