Cellulite: in USA ok al primo tr…

Autorizzata negli Stati U…

Un nuovo nuovo laser risolve def…

Unità Operativa di Urolog…

Nuove terapie per la cura dei tu…

Roma, 3 nov - ''Nuovi far…

Le bugie hanno il naso caldo

Ricercatori europei nel s…

Ormone in grado di simulare gli …

Trarre i vantaggi dell'at…

Nobel 2014 Medicina e coniugi Mo…

I coniugi norvegesi Edvar…

Lesioni midollo spinale: ottimi …

[caption id="attachment_7…

Descritto un gene che riattivato…

Scoperto un gene che, se …

Tumori del colon: 234 sono i gen…

I geni coinvolti nello sv…

La "luce in fondo al tunnel" del…

Circa il 20% di chi s…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Università Bicocca, educazione alla salute col progetto SPES-Health

Nell’anno accademico 2016-2017, al via il progetto di peer education del Dipartimento di Medicina e Chirurgia per la promozione della salute tra gli studenti

Milano, 12 ottobre 2016 – Promuovere l’educazione alla salute studiando medicina. È questo l’obiettivo di SPES-Health: learning medicine, teaching health, il progetto pilota di peer education del Dipartimento di Medicina e Chirurgia (School of Medicine and Surgery) dell’Università di Milano-Bicocca. Dalla primavera 2017, un gruppo di studenti del terzo, quarto e quinto anno del corso di laurea a ciclo unico di Medicina e Chirurgia, con sede a Monza, si occuperà di favorire l’adozione di un corretto stile di vita tra i propri coetanei, circa 300 studenti iscritti al primo e secondo anno: dall’educazione al sonno, alla promozione delle sane abitudini alimentari, fino alla prevenzione delle dipendenze da fumo e da alcol. Logo_Universita_Milano-Bicocca

 Il programma, ispirato a modelli già sperimentati con successo nel mondo accademico anglosassone, nei mesi di ottobre e novembre prevede attività di formazione generale sui principi della peer education e sulle tecniche di comunicazione e una fase di formazione specifica, in base ai temi scelti da ogni sottogruppo di studenti. 

I peer educators, individuati sulla base della motivazione attraverso colloqui effettuati dai responsabili del progetto, verranno formati da docenti, medici e psicologi che a vario titolo si occupano di promozione della salute.  Nei mesi successivi, ciascun sottogruppo di educatori progetterà un’iniziativa rivolta agli studenti destinatari, scegliendo tra le forme educative quella che riterranno più idonea a coinvolgere i partecipanti: un filmato, un gioco, una canzone, una rappresentazione teatrale o altro ancora.

«Questa iniziativa – sottolinea Maria Grazia Valsecchi, direttore del dipartimento di Medicina e Chirurgia – non solo educa a corretti stili di vita ma rappresenta un’opportunità per i nostri futuri medici di imparare a comunicare la salute con attenzione ai bisogni della persona». 

La peer education è una modalità di formazione svolta da una persona o da un gruppo di persone che presentano caratteristiche simili ai destinatari dell’intervento formativo. L’educatore paritario opportunamente formato diventa promotore del cambiamento di comportamenti scorretti dei propri coetanei, adottando gli stessi linguaggi di comunicazione e promuovendo gli stessi valori. 

La partecipazione alle iniziative di peer education sarà certificata con l’attribuzione di uno degli Open Badge Bicocca: le certificazioni elettroniche di skill acquisite tramite lo svolgimento di attività extracurriculari e spendibili nel curriculum e sui social network. L’iniziativa è promossa dal Dipartimento in collaborazione con la Medicina del Lavoro dell’ospedale San Gerardo (ASST-Monza).

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi