Ipertermia per la cura dei tumor…

[caption id="attachment_6…

Correlazione tra dimensioni del …

Pare vi sia una correlazi…

Elasticità muscolare: scoperta l…

Un team di ricercatori d…

Sindrome metabolica: a rischio a…

I medici di base dovrebbe…

Il Nobel per la chimica del 2011…

Daniel Shechtman, nato …

Epatite C: in arrivo nuovi farma…

È una macchina, capace di…

HPV: test Papillomavirus spesso …

- Il test per il papillom…

Tumore cerebrale: la radioterapi…

Un nuovo sistema consente…

Psoriasi, 73° Congresso AAD San …

Congresso AAD San Francis…

Schizofrenia: farmaco sperimenta…

Un farmaco antitumorale s…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Arrivano le staminali per la Maculopatia senile

Cellule staminali

Cellule staminali

(AGI) – Londra, 19 apr. – Dopo tante polemiche e promesse, le cellule staminali si sono dimostrate capaci di curare per la prima volta una malattia: si tratta della degenerazione maculare senile della retina, la piu’ comune causa di cecita’ negli over 50. La terapia, scrive il “Sunday Times”, e’ stata messa a punto da un gruppo di ricercatori britannici secondo cui entro i prossimi sei-sette anni l’intervento diventera’ un’operazione di routine, che non durera’ piu’ di un’ora.

Il trattamento consiste nella sostituzione di uno strato di cellule degenerate con nuove cellule create dalle staminali embrionali, le cellule primitive indifferenziate in grado di trasformarsi in qualsiasi tessuto umano. La Amd colpisce la zona centrale della retina, la macula, che progressivamente si deteriora. Le staminali mutate in copie delle cellule retiniche vengono posizionate su una membrana artificiale inserita nella parte posteriore della retina. Gli studi sono stati condotti dai dipartimenti di oftalmologia dell’University College di Londra e dell’ospedale di Morfields. Inevitabili le polemiche etiche perche’ per creare questo tipo di staminali si debbono impiegare embrioni, una possibilita’ esplicitamente prevista dalla legislazione britannica. Dietro lo sviluppo della cura, rivela il Times, c’e’ il sostegno alla ricerca della statunitense Pfizer, la piu’ grande azienda farmaceutica al mondo.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!