Tumori: nuova tecnica per indivi…

Un gruppo di scienziati …

Nuove frontiere di intervento co…

Venerdì 20 marzo esperti …

Malaria: una singola dose di un …

Un gruppo di ricercatori…

Influenza: scoperto il meccanism…

Un team di scienziati del…

Al Campus Bio-Medico il più picc…

Soluzione “high tech” per…

Cancro al colon: parte speriment…

Siena - Ha preso il via a…

Aghi di seta completamente indol…

Un team di ingegneri dell…

Tecnica inglese per riparare i t…

Lesioni tendinee curate c…

L’ICTUS È UNA MALATTIA CURABILE …

Milano, 26 ottobre 2016 –…

Scienziati sviluppano analisi de…

L'indebolimento del siste…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Individuate nello spazio due nuove complesse molecole organiche

In alto: formiato di etile (C2H5OCHO).  In basso:  n-propil cianuro (C3H7CN).

In alto: formiato di etile (C2H5OCHO). In basso: n-propil cianuro (C3H7CN).

ScienceDaily (Apr. 22, 2009) – Gli scienziati del Max Planck Institute for Radio Astronomy (MPIfR) a Bonn, in Germania, la Cornell University, Stati Uniti d’America, e l’Università di Colonia, in Germania, hanno individuato due delle più complesse molecole mai scoperte nello spazio interstellare: Formiato di etile e di n-Propil-cianuro.

Codice colore delle componenti atomiche  di entrambe le molecole: idrogeno (H): bianco, carbonio (C): grigio, ossigeno (O): rosso e azoto (N): blu. (Credit: Oliver Baum, University of Cologne) (Credit: Oliver Baum, Università di Colonia)


I loro modelli computazionali di chimica interstellare inoltre indicano che molecole organiche ancora più grandi possono essere presenti – e tra le altre scoperte gli inafferrabili aminoacidi, che sono essenziali per la vita.

I risultati di queste scoperte verranno presentati durante la Settimana europea di Astronomia e Scienza dello Spazio presso l’Università di Hertfordshire su Martedì 21. Aprile.


Le due nuove molecole sono state rilevate in una calda, densa nube di gas a effetto noto come il “Grande Molecule Heimat”, che contiene una luminosa  stella neoformata.

Karl Menten, uno dei veterani Senior del Team MPIfR   pensa che ciò accadrà nel prossimo futuro: “Quello che stiamo facendo ora è come cercare un ago in un pagliaio. Futuri strumenti come l’Atacama Large Millimeter Array consentirà di approfondire in maniera molto più efficiente, studi biologici sulle molecole interstellari “.
Questi possono anche includere aminoacidi, che sono necessari per la produzione di proteine, e sono quindi essenziali per la vita sulla Terra.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!