I trapianti senza trasfusione ne…

La strada verso trapianti…

Pisa: progressi importanti nella…

[caption id="attachment_8…

Epatite C: diritto a guarire è a…

I malati lamentano scarse…

Telethon pubblica uno studio sui…

[caption id="attachment_9…

Ebola: al via test vaccino sull'…

Al via a settembre negli …

A rischio servizio agli utenti e…

Cancellata da una legge r…

Cerotto genetico per riparare da…

Ricercatori della Rosalin…

Contro l'HIV non sarà necessario…

Un cocktail di medicinali…

Il meccanismo dell'atassia di Fr…

[caption id="attachment_7…

Un vaccino sperimentale per prev…

[caption id="attachment_6…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Le origini del bene e del male – Rita Levi Montalcini

Rita Levi Montalcini

Rita Levi Montalcini

“Una delle domande che mi sono sempre posta riguarda l’origine del male, o meglio capire qual è l’origine biologica del male. Il nostro cervello ha due componenti: quella del sistema limbico e quella del sistema neocorticale. La prima è arcaica, ed è sede dell’emotività e dell’affettività; la seconda è invece di carattere cognitivo e razionale. Nei momenti di crisi, purtroppo, non è la componente neocorticale a controllare il nostro modo di agire ma la parte arcaica, la zona limbica del cervello, la quale si arroga il diritto di dirigere le nostre azioni. Questa componente aggressiva  – prosegue la scienziata – assume il controllo, ad esempio, nei regimi totalitari: quando la componente limbica del cervello prende su di sé il ruolo cognitivo nascono le grandi tragedie.

Oggi la componente cognitiva è più forte dell’altra, tuttavia non sempre riesce ad avere il controllo sui comportamenti umani. Bisogna però sempre coltivare la speranza che la componente neocorticale assuma le redini e blocchi quella arcaica”. Poi la Montalcini ha voluto incitare alla speranza e alla fiducia nel futuro: “Per quanto mi riguarda non ho mai creduto al male poiché la vita ha valore in quanto noi cerchiamo di seguire il bene e non perdiamo tempo con il male. In questo senso la vita ha significato solo se si dà una mano a chi ha bisogno di aiuto. Ai giovani dico di non avere paura di invecchiare – prosegue – di non avere paura di nulla; posso portare l’esempio della mia vita che è stata fortunata ma io non ho mai perso la fiducia nel futuro”. Infine Rita Levi Montalcini ha parlato delle prospettive del nostro Paese: “L’Italia – dice –  è un paese ricco di giovani capaci, nessun paese ha la ricchezza in termini di capitale umano del nostro”.

Da: “Che tempo che fa”, l’intervista in tre parti.

Secondo videoterzo video

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x