Novità in endocrinologia al Cong…

ABSTRACT RELATORI   …

Il DNA mitocondriale racconta la…

L’uomo non africano s…

Siena: trapianto di midollo per …

E' stato effettuato a Sie…

Tumori della pelle: elastografia…

Una tecnica ultrasonica a…

Le nuove frontiere della psichia…

Roma, 25 febbraio 2015 – …

RANKL: il segreto del diabete na…

Uno studio pubblicato su …

Ansia: scoperte aree del cervell…

Problemi di comunicazione…

Tumori: PSA non sempre e' test a…

L'esame del PSA (antigene…

Mieloma multiplo: sviluppata nuo…

Sviluppata una molecola s…

Identificata una nuova classe di…

Scoperta la capacità di a…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Dalla vita delle staminali riparatrici dipende la rigenerazione del muscolo cardiaco

Cellule del muscolo cardiaco ottenute da staminali

Cellule del muscolo cardiaco ottenute da staminali

Ricercatori dell’Università di Saragozza in collaborazione con la divisione di Terapia Cellulare della Clinica Universitaria di Navarra in Spagna, hanno avviato un programma per la creazione di un rimedio al collagene per prolungare la vita delle cellule staminali nelle lesioni coronariche fino a che queste non siano guarite.

Le malattie cardiocircolatorie sono una delle principali cause di morte al mondo e, in particolare, l’infarto del miocardio dove a causa di un’insufficiente afflusso di sangue alle pareti del muscolo cardiaco si verifica una carenza d’ossigeno e sostanze nutritive. Questo provoca la morte di cardiomiotici e una loro conseguente sostituzione in forma di cicatrici.
Le cicatrici non possono sostituire il tessuto danneggiato per cui si viene a verificare una condizione di malfunzionamento del muscolo cardiaco che viene definita insufficienza cardiaca.


Per cercare di risolvere questa situazione si è studiata la possibilità di utilizzare dei sostituti biologici per sostituire o migliorare la funzione di un tessuto o riparare eventuali organi danneggiati.


Le ricerche si stanno sempre più concentrando nell’uso delle cellule staminali per questo scopo, tuttavia sino a oggi lo scoglio da superare è sempre stato quello legato alla sopravvivenza di queste nelle vicinanze della zona ischemica.

Per ovviare al problema i ricercatori spagnoli stanno cercando di sviluppare un metodo a base di collagene per far sì che la vita delle cellule staminali sia prolungata fino almeno al momento dell’avvenuta rigenerazione dei tessuti. Allo stato attuale, gli esperimenti sono stati condotti in laboratorio e successivamente saranno applicati a modelli viventi per valutarne i risultati e le possibili applicazioni.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi