Seno: conferma efficacia radiote…

[caption id="attachment_8…

Cuore virtuale creato da scienzi…

Scienziati sviluppano un …

Alzheimer: nuovo test per la dia…

Alcuni ricercatori hanno …

Mappato il genoma di un feto dal…

[caption id="attachment_1…

Salmone geneticamente modificato…

Presto i supermercati del…

Gastrite e cattiva digestione po…

Pranzi e cene abbondanti …

Invecchiamento: studio comprova …

Un nuovo studio condotto …

Occhi a rischio disidratazione: …

In estate a mettere a ris…

Tumori: individuata una mutazion…

Individuata la mutazione …

Fibromialgia: affligge 290.000 l…

“Perché si diventa fibrom…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Genetica e asma: riflessioni

L’asma è una malattia a forte diffusione e con una sicura componente genetica, tuttavia la sua diffusione ineguale nelle diverse aree del mondo fa sì che si debba tenere presente nella sua comparsa una forte interazione tra gene e ambiente. Visto che sono i paesi industrializzati a soffrirne di più, spesso è stato prospettato che conti molto il fatto che alcuni inquinanti possano alterare la risposta immunitaria in chi è già sulla “cattiva strada”. Quindi nel mirino degli allergologi sono entrate sostanze come il fumo di tabacco ma anche l’anidride solforosa, l’ossido nitrico, l’ozono e il particolato emesso dai motori diesel.

Anche il calo delle infezioni respiratorie virali nei neonati è stato indicato come un elemento scatenante. Infatti nelle prime fasi della vita il sistema immunitario deve svilupparsi più o meno come tutto l’organismo, e in questo sviluppo entrano anche i contatti con i virus respiratori. Tra l’altro lo confermerebbe uno studio dove si è controllato se i bambini avessero o meno frequentato il nido, circostanza che espone a infezioni più frequenti, con il risultato che effettivamente l’atopia e l’asma erano molto meno frequenti in chi aveva fatto da subito “vita sociale”. Peraltro l’interazione tra geni e ambiente sembra cominciare anche prima della nascita: infatti pesa molto di più il fatto che sia la madre a soffrire di asma piuttosto che il padre e questo lo si attribuisce proprio alla possibilità che l’ambiente uterino agisca sui geni suscettibili del nascituro.


Secondo un articolo pubblicato su Chest 2009 (135: 1186-92) il polimorfismo dei recettori beta-2 adrenergici influenza la risposta alla terapia standard per le più gravi riacutizzazioni asmatiche nel bambino. I beta-2 agonisti sono il perno del trattamento delle riacutizzazioni asmatiche, ma non tutti i bambini reagiscono allo stesso modo a questi medicinali: è stato dimostrato che i bambini con un genotipo Gly/Gly a livello dei recettori beta-2 adrenergici vanno incontro di solito ad una permanenza più breve in terapia intensiva, richiedono un trattamento continuo con farmaci nebulizzati meno prolungato e richiedono più difficilmente una terapia con agonisti beta-2 per via endovenosa.


0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
trackback

[…] Fonte Articolo:  Genetica e asma: riflessioni | ..::::LIQUIDAREA::::.. […]

Criel

Vi segnalo, per gli addetti ai lavori, l’aggiornamento delle linee guida britanniche per la gestione dell’asma. Sono elencate le raccomandazioni per la terapia dell’asma acuto nell’adulto, nel bambino sopra e sotto i 2 anni, nella donna in gravidanza e durante l’allattamento.
http://prontosoccorso.eumed.org/area-professionale/1562/aggiornamento-linee-guida-asma-bronchiale/

Archivi

2
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x