Anemia falciforme: sulla strada …

Scoperta una potenzi…

Succo di mela anticancro, ecco p…

Che la mela sia un conce…

Meccanismo tumorale comune tra l…

L’oncosoppressore BRCA2 è…

Embolia polmonare: il rischio el…

Studio presentato da Toru…

Epatocarcinoma: perche' gli uomi…

[caption id="attachment_7…

al via installazione 'Discovery …

[caption id="attachment_1…

Patata OGM, per eliminare la tos…

Eliminare un ingrediente …

Insufficienza cardiaca: la stimo…

La stimolazione dei nervi…

Fecondazione assistita: in Tosca…

La Toscana sarà una delle…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

HIV: terapia genica che imita i neuroni

– Washington, 28 lug. – I neuroni sanno proteggersi da soli contro l’HIV, grazie ad una proteina presente solo in queste cellule che non permette al virus di entrare. La scoperta potrebbe aprire la strada a nuove terapie geniche che attivano la produzione della proteina anche nelle altre cellule, specialmente in quelle piu’ vulnerabili all’HIV come i globuli bianchi.


I ricercatori della University College di Dublino, Irlanda, hanno scoperto gli effetti protettivi della ‘FEZ-1′, una proteina attiva solo nelle cellule nervose che rende meno suscettibili alle infezioni del virus dell’HIV. “Siamo riusciti ad attivare la produzione di questa proteina in altre cellule cerebrali, inducendole a produrre FEZ-1”, ha spiegato Mojgan Naghavi, a capo della ricerca pubblicata sulla rivista PNAS. “Il prossimo passo e’ provare ad indurre la produzione di FEZ-1 nei globuli bianchi, programmandoli geneticamente per renderli piu’ resistenti all’infezione dell’HIV”, ha detto. Il meccanismo con il quale la proteina blocca l’HIV e’ ancora sconosciuto. “FEZ-1 potrebbe mettersi tra il virus e le cellule, impedendo il trasporto delle proteine virali dentro la membrana cellulare”, ha detto Naghavi. “Prima di elaborare terapie per l’uomo, occorre scoprire di piu’ su questo meccanismo”, ha concluso.


(AGI)

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi