Dati real life, pubblicati su Cl…

Questi risultati si aggiu…

Alcol e mal di testa: due geni d…

MILANO - E' colpa di due …

Nervi recisi: cellule staminali …

Un gruppo di ricercatori …

La settimana Mondiale del Cervel…

“Neurologia e donna” uno …

Tumori: il passo "asincrono" del…

Uno studio pubblicato su …

I generici in Italia: dopo dieci…

Un libro, presentato oggi…

Alzheimer: studi mettono in luce…

Uno studio condotto su un…

Cancro: scoperti quattro nuovi b…

Individuare il cancro pr…

Per il futuro vaccino anti-HIv u…

[caption id="attachment_9…

LO EUROPEAN HYDRATION INSTITUTE …

Parma, 5 maggio 2014 – Lo…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Tumori: una nuova prospettiva per usare ‘silenziatori’ di geni responsabili

rabdomiosarcoma.Ricercatori italiani sono riusciti, utilizzando dei ‘silenziatori genetici’ ovvero molecole che ‘zittiscono’ i geni, a trasformare le cellule maligne del rabdomiosarcoma, un raro ma grave tumore muscolare, in normali cellule muscolari sane. E’ lo straordinario risultato ottenuto dal gruppo guidato da Carola Ponzetto, che lavora al CeRMS (Centro di Ricerca in Medicina Sperimentale) dell’ospedale Molinette di Torino grazie a una ricerca finanziata da AIRC. Per ‘riconvertire’ il tumore in tessuto muscolare sano, i ricercatori hanno usato due microRNA (minuscoli frammenti di RNA che controllano l’attivita’ dei geni), rivelatisi capaci di obbligare le cellule tumorali a differenziarsi in cellule muscolari sane.
Questa potente azione differenziativa dei microRNA potrebbe farne una delle armi piu’ potenti della ricerca contro il cancro, se si trovassero i microRNA capaci di riportare le cellule di altri tipi di tumore sulla strada giusta. La sperimentazione, pubblicata sul Journal of Clinical Investigation, e’ stata condotta su cellule di tumore umano e su topi. Per passare ai pazienti bisogna si deve prima trovare un modo per far arrivare i microRNA nelle cellule del tumore. Ma i ricercatori sono fiduciosi: ”A questo problema tecnico stanno lavorando centinaia di ricercatori in tutto il mondo”. (ANSA).


0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x