Vaccinarsi? Un dubbio sempre più…

Il VERO/FALSO sulle vacci…

WALK-MAN: il robot umanoide del …

Genova, 15 ottobre 2013 -…

Staminali e terapia genica: Tele…

Lo straordinario tragua…

Alzheimer: fibrille proteine tau…

Le malattie del cervello …

Maculopatia senile: scoperto il …

Ricercatori dell'Universi…

Virus HIV: tracciate le mutazion…

[caption id="attachme…

Parkinson: ricercatori studiano …

Uno studio finanziato dal…

Epatite C: Italia tra i paesi co…

L'Italia risulta fra i Pa…

Alzheimer e demenza: quattro gen…

Se, come e quando il cerv…

Depressione: terapia alla ketami…

Le persone ammalate d…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Danni epatici: test del sangue sostituisce la biopsia



Padova, 30 lug. – Fino a oggi era l’esame piu’ sicuro anche se spesso molto fastidioso per il paziente: la biopsia epatica, una tecnica invasiva per estrarre cellule direttamente dal fegato. Oggi esiste un’alternativa rappresentata da FibroTest, che con un semplice prelievo di sangue consente di diagnosticare con precisione il danno epatico. Il FibroTest e’ stato validato da un recente studio multicentrico internazionale pubblicato nella rivista scientifica Hepatology il cui coordinatore e’ un italiano, il professor Alfredo Alberti, Ordinario di Gastroenterologia, dipartimento di Istologia, Microbiologia e Biotecnologie Mediche, Universita’ di Padova.


Condotto su piu’ di 2.000 pazienti con epatite C in nove centri europei e statunitensi, gli autori hanno osservato che con questo test non invasivo si siano evitate biopsie nel 46,5 per cento e nell’81,5 per cento rispettivamente in presenza di fibrosi e di cirrosi. “Con un prelievo di sangue – spiega la dottoressa Giada Sebastiani dell’Unita’ di Gastroenterologia, Epatologia e Nutrizione Clinica dell’Ospedale dell’Angelo, Venezia, primo autore dello studio – vengono determinati i valori di alcuni parametri che dopo l’elaborazione forniscono lo stato della malattia epatica. Dalla loro valutazione lo specialista epatologo/gastro-enterologo potra’ decidere se eseguire la biopsia o ulteriori esami del sangue” .

L’approccio che gli autori dello studio pubblicato nella rivista Hepatology chiamano ‘SAFE BIOPSY’, permette di ridurre il numero di biopsie epatiche e, insieme al FibroTest, consente di definire lo stadio della fibrosi epatica. Quello citato non e’ l’unico studio che dimostra l’importanza del FibroTest per valutare il grado di fibrosi, altri studi internazionali recentemente pubblicati lo hanno considerato una valida alternativa alla biopsia. La biopsia epatica, ancora considerata lo standard di valutazione della malattia epatica, non puo’ essere eseguita troppo frequentemente per le complicazioni soprattutto emorragiche nei pazienti che gia’ presentano una patologia avanzata. In Italia sono 58.000 i casi di cirrosi diagnosticati ogni anno e il carcinoma epatico, che spesso ne deriva, e’ causa di morte nel 3% della popolazione. Il FibroTest e’ disponibile a pagamento su richiesta dello specialista in laboratori analisi in tutto il territorio nazionale. E’ distribuito in Italia da Ibi-Lorenzini, su licenza esclusiva della francese BioPredictive.



Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi