Prostata: per prevenzione e inut…

[caption id="attachment_9…

Vitamina D: non solo dal sole, m…

Un nuovo studio mostra co…

Papilloma virus, virus che attac…

Una ricerca dell'Azienda …

Infertilità maschile, quando la …

Le infezioni batteriche s…

Due nuovi geni implicati nella s…

[caption id="attachment_5…

Neuroblastoma: un comune farmaco…

[caption id="attachment_9…

Digossina e decessi: uno strano …

La digossina, farmaco com…

Sindrome di down: colina in grav…

Nel caso di feti e bambin…

Diabete: il percorso tecnologico…

In un incontro stampa org…

Ipertensione polmonare: dalla Lo…

[caption id="attachment_8…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Come l’apparato del Golgi viene riprodotto da un chip

Una ricerca congiunta del Rensselaer Polytechnic Institute di New York e dell’Università della North Carolina a Chapel hill ha consentito di assemblare in primo prototipo funzionante di apparato del Golgi artificiale.


Tale organulo, scoperto dallo scienziato italiano Camillo Golgi nel 1898, è deputato, all’interno delle cellule eucariote, all’elaborazione di ormoni, enzimi e altre sostanze che consentono il normale funzionamento dell’organismo.

Il dispositivo, realizzato su un chip, potrebbe portare a un metodo più sicuro per produrre eparina, una sostanza largamente utilizzata come anticoagulante.

Nello studio, ora pubblicato sulla rivista “Journal of the American Chemical Society”, Robert Linhardt e colleghi sottolineano come l’apparato di Golgi rappresenti tuttora un organulo la cui funzione è scarsamente compresa, anche se è ben noto che esso riveste un ruolo chiave nella secrezione di eparina, oltre alla preparazione delle macromolecole, come proteine e lipidi che, dopo la sintesi, devono raggiungere varie destinazioni.

Così i ricercatori hanno sviluppato su un chip un dispositivo che riproduce l’apparato del Golgi naturale: nei test di laboratorio, esso ha dimostrato di poter produrre eparina in modo veloce ed efficiente, in una sorta di linea di produzione in cui viene utilizzata una combinazione di enzimi, zuccheri e altre materie prime.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: