A Valenza una giornata di inform…

Mercoledì 13 aprile, a Va…

Aglio, cipolla e pomodoro: il su…

Il segreto è nel soffritt…

Epilessia: scoperto meccanismo c…

I ricercatori del Cincin…

(Salute 24) Ipertiroidismo o ipo…

Estate, una stagione …

Premio “Janssen Hi Future!”: vin…

La Cerimonia si è svolta …

In Italia si contano 900 meningi…

[caption id="attachment_6…

Per la prima volta in Basilicata…

ALL’ IRCCS CROB DI RIONER…

“L’incanto a Teatro” Torna la II…

Dopo il grande successo d…

Ebola: l'OMS ha scelto il vaccin…

Autorizzato a tempo recor…

Patologie muscolari: tecnica inn…

E' un approccio innov…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Amfetamine: effetti devastanti a lungo raggio

amfetamine e sinapsi

amfetamine e sinapsi

La sperimentazione sui topi ha permesso di riscontrare un deficit di memoria di lavoro anche a distanza di tempo, specie se la somministrazione avviene in età adolescenziale

Il rapporto tra l’abuso di droghe e sostanze psicotrope ed effetti neuropsicologici è un tema studiato da lungo tempo. L’ultima ricerca in ordine di tempo, effettuata su topi di laboratorio, riguarda le amfetamine e ha mostrato come l’esposizione a tali sostanze in alte dosi determini, molto tempo dopo, un significativo deficit di memoria.

A soffrirne, in particolare, è la cosiddetta memoria a breve termine o “di lavoro”, soprattutto se le amfetamine vengono somministrate agli animali nel corso dell’adolescenza, piuttosto che in età adulta.

“L’effetto è evidente quando si confrontano i due gruppi di topi, quelli esposti alle sostanze in adolescenza e quelli esposti in età adulta, in alcuni compiti che richiedono l’uso della memoria di lavoro: a parità di dosi somministrate, i primi ottengono risultati decisamente peggiori”, ha spiegato Joshua Gulley, docente di psicologia dell’Università dell’Illinois a Urbana-Champaign, nel corso della presentazione dei risultati dello studio all’annuale congresso della Society for Neuroscience, tenutosi a Chicago. “Ciò ci porta a ipotizzare che la capacità di memoria di lavoro possa essere alterata in modo significativo dalla pre-esposizione alle amfetamine.”

Nel corso della ricerca, gli studiosi hanno testato due tipi di somministrazione di amfetamine: intermittente, con una dose costante un giorno su due, e progressiva, con dosi aumentate per un periodo di quattro giorni seguite da una dose elevata ogni due ore al quinto giorno.

I risultati mostrano così le conseguenze a lungo termine dell’abuso di amfetamine, che è possibile ipotizzare che si manifestino anche nell’uomo e che potrebbero essere rilevanti sia nei soggetti che le assumono a scopo terapeutico (come nel caso dei piccoli pazienti affetti da deficit di attenzione e iperattività. ADHD) sia – e soprattutto – nei giovani che ne fanno un uso incontrollato.

“L’adolescenza è un periodo in cui il cervello è in continuo sviluppo, e assumere amfetamine in un momento così critico potrebbe avere conseguenze negative a lungo termine”, ha concluso Gulley. “Il dato preoccupante è proprio che gli effetti si fanno sentire anche una volta interrotta l’assunzione della sostanza”.

Le Scienze

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi