Siena: via allo sviluppo vaccino…

[caption id="attachment_7…

La percezione visiva migliorata …

Anche chi vede bene non s…

Come si adatta il cervello allo …

Come si adatta il cervell…

Diabete e ictus: la genetica ind…

[caption id="attachment_8…

Linagliptin riduce in modo signi…

I risultati degli studi…

Mamma, vado all’asilo. Tutti i c…

Decidere di mandare un ba…

Tumori sfuggono al sistema immun…

[caption id="attachment_6…

Prima interfaccia cerebrale uomo…

Comandare il moviment…

EPAC ONLUS plaude alla prima ris…

[caption id="attachment_7…

Telethon al S. Raffaele, scopre …

La scoperta, realizza…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Trapianto utero: tra due anni circa sara’ possibile

Utero

Utero

Entro due anni, sarà possibile eseguire con successo il primo trapianto di utero in grado di portare a termine una gravidanza. Lo ha annunciato un team di ricercatori britannici del ‘Royal Veterinary College’ che ha presentato lo studio alla conferenza della ‘Societa’ Americana di medicina riproduttiva’ ad Atalanta. Gli esperti, secondo quanto riferito dalla Bbc, sono riusciti a trapiantare un utero in grado di essere irrorato con l’afflusso di sangue necessario per portare a termine la gravidanza ed evitare il rigetto.

I ricercatori hanno sperimentato il trapianto su cinque conigli con una nuova tecnica che collega l’utero con i maggiori vasi sanguigni inclusa l’aorta.



Due degli animali sono vissuti per 10 mesi e gli esami eseguiti dopo la morte hanno indicato che i trapianti hanno avuto successo.

Il prossimo passo dello studio, ha riferito Richard Smith, chirurgo ginecologo dell’Hammersmith Hospital, sara’ di sperimentare la fecondazione assistita sui conigli dopo il trapianto di utero. La ricerca potrebbe costituire in futuro un’alternativa alla pratica dell’utero in affitto, largamente diffusa in Gran Bretagna, dove vi ricorrono oltre 200 donne ogni anno. Un trapianto di utero sulla donna fu tentato per la prima volta nel 2000 in Arabia Saudita ma l’organo, ottenuto da un donatore vivo, fu rigettato tre mesi dopo. Il motivo, secondo Smith, e’ che non era stato irrorato di sangue con un collegamento alle arterie e ai vasi sanguigni, come prevede la nuova tecnica.


Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!