Cancro dello stomaco: un'aspirin…

Assumere aspirina ogni gi…

Nuovo contraccettivo ormonale so…

Arriva nel nostro paese u…

Staminali impiantate nell'occhio…

Eccezionale intervento in…

Tumore da esposizione all'amiant…

La nuova metodica ovviere…

Ipersonnia: è un sonnifero che '…

Alcune persone soffrono d…

Congresso Unificato Salute ripro…

Quattrocento esperti dell…

Vaccino HPV in Calabria: grazie …

Continua la campagna di O…

Vaiolo: debellato il virus umano…

Il virus del vaiolo bovin…

Nuovi studi presentati all’Exper…

Studi confermano il ruolo…

Mucca pazza, o Malattia di Creut…

Un nuovo test del sangue …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Trapianto utero: tra due anni circa sara’ possibile

Utero

Utero

Entro due anni, sarà possibile eseguire con successo il primo trapianto di utero in grado di portare a termine una gravidanza. Lo ha annunciato un team di ricercatori britannici del ‘Royal Veterinary College’ che ha presentato lo studio alla conferenza della ‘Societa’ Americana di medicina riproduttiva’ ad Atalanta. Gli esperti, secondo quanto riferito dalla Bbc, sono riusciti a trapiantare un utero in grado di essere irrorato con l’afflusso di sangue necessario per portare a termine la gravidanza ed evitare il rigetto.

I ricercatori hanno sperimentato il trapianto su cinque conigli con una nuova tecnica che collega l’utero con i maggiori vasi sanguigni inclusa l’aorta.



Due degli animali sono vissuti per 10 mesi e gli esami eseguiti dopo la morte hanno indicato che i trapianti hanno avuto successo.

Il prossimo passo dello studio, ha riferito Richard Smith, chirurgo ginecologo dell’Hammersmith Hospital, sara’ di sperimentare la fecondazione assistita sui conigli dopo il trapianto di utero. La ricerca potrebbe costituire in futuro un’alternativa alla pratica dell’utero in affitto, largamente diffusa in Gran Bretagna, dove vi ricorrono oltre 200 donne ogni anno. Un trapianto di utero sulla donna fu tentato per la prima volta nel 2000 in Arabia Saudita ma l’organo, ottenuto da un donatore vivo, fu rigettato tre mesi dopo. Il motivo, secondo Smith, e’ che non era stato irrorato di sangue con un collegamento alle arterie e ai vasi sanguigni, come prevede la nuova tecnica.


Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi