AIDS: estratti dell'albero di Ne…

Estratti dell'albero del …

L'Alzheimer si propaga a livello…

[caption id="attachment_1…

Dolore: stop a FANS e COXIB nell…

Ridurre l’uso improprio d…

A Verona il primo test del Dna a…

Personal Genomics, spin-…

Tumori ai polmoni: nuove speranz…

Tumore al polmone, uno s…

Merck Serono sponsor ufficiale d…

  I progressi della ri…

Sclerosi multipla: concorre anch…

[caption id="attachment_7…

Farmaci di uso comune potrebbero…

Gli antidolorifici come l…

A PARUZZARO L’OPEN DAY “SALUTE D…

Il 22 ottobre screening g…

Riprodotte le cellule dei vasi s…

Un team di ricercatori de…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

I cerotti fisioterapici benefici anche contro la sclerosi multipla

kinesio taping

kinesio taping

Sono noti agli sportivi, praticanti o spettatori, perche’ indossati in campo da molti atleti. Ma i ‘cerotti dei campioni’, le fascette spesso vezzose e colorate che promettono una stimolazione bio-meccanica utile contro i dolori a muscoli e articolazioni, potrebbero offrire nuove speranze ai malati di sclerosi multipla. In particolare, potrebbero ridurre i problemi di equilibrio e movimento. Lo suggerisce una ricerca in via di pubblicazione su ‘Physiotherapy’, coordinata da Davide Cattaneo, esperto di riabilitazione neurologica della Fondazione Don Gnocchi di Milano.
Debolezza generale, incapacita’ di gestire la postura del corpo, inadeguata informazione sensoriale. Questi i fattori che rischiano di far cadere i malati di sclerosi multipla, spiega una nota. E poiche’ nel mantenimento dell’equilibrio hanno un ruolo chiave i muscoli del polpaccio, che in un’attivita’ sinergica con gli stimoli sensoriali agiscono per evitare che il corpo oscilli o perda la sua perpendicolarita’ rispetto al terreno, il team della Don Gnocchi ha deciso di sperimentare una serie di applicazioni dei cerotti comunemente usati nella fisioterapia sportiva (i Kinesio Taping made in Japan) sui muscoli del polpaccio. Confrontando le misurazioni effettuate sui pazienti con sclerosi multipla prima e dopo le applicazioni. Ebbene, una buona percentuale del gruppo trattato ha mostrato “tangibili miglioramenti” sia per quanto riguarda l’equilibrio sia nella velocita’ e nella confidenza nel camminare. Questi risultati, secondo gli autori, “gettano le basi per una serie di future sperimentazioni che si spera possano spiegare in modo piu’ preciso quali meccanismi propriocettivi possono permettere di convivere, in modo meno invalidante”, con una malattia che interessa oggi circa 30 mila italiani.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!