Il tavolo con l’AIFA apre un per…

Su tutti i temi cruciali …

Vaccino veicolato da bioimpianto…

...anche se la sensaziona…

Fondazione Veronesi: tumori, gli…

In un caso su 20 segnalan…

Carcinoma ovarico: scoperti pept…

Il carcinoma ovarico potr…

Protesi PIP e Codacons: per il T…

"Il Tar del Lazio, con un…

Il veleno dello scorpione: alter…

[caption id="attachment_6…

Studi sul gene del linguaggio sv…

Una nuova ricerca mostra …

Salute e Farmaceutica: gli About…

App, video, Social Market…

Risonanza magnetica e PET insiem…

A Napoli nuovo macchinari…

Obesità: il palloncino per la ri…

Prima sperimentazione al …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Capsaicina, ovvero il peperoncino, contro dolori e formicolio

recettore capsaicina

recettore capsaicina

Il dolore periferico spesso si accompagna anche a formicolio, bruciore, intorpidimento, debolezza dell’arto e, in molti casi può anche essere causato da disturbi quali artrite, Aids, diabete, herpes zoster (fuoco di Sant’Antonio), cancro e dai trattamenti utilizzati nella cura di queste patologie.

Un componente del peperoncino e del pepe, la capsaicina, pare essere d’aiuto se utilizzato in forma di crema per combattere proprio queste fastidiose sensazioni.

I ricercatori dell’Università di Oxford nel Regno Unito hanno scoperto che, proprio grazie all’utilizzo di una crema a base di capsaicina il 40% delle persone con questo tipo di dolore otteneva sollievo. I risultati positivi arrivano da uno studio che è stato condotto su 1.600 volontari adulti di entrambi i sessi.

Tuttavia, c’è da far presente che non tutti i medici sono d’accordo sull’uso di creme a base di capsaicina in quanto le ritengono possibili di sortire effetti indesiderati come infiammazioni, in particolare in soggetti sensibili e in seguito a un abuso, per cui ritengono più adatti i tradizionali farmaci anti-irritazioni.

La Stampa

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi