il DNA: le funzioni che hanno, f…

Alcuni meccanismi di prot…

IN DIRETTA LA CURA LASER PER LA …

Professor Giovanni Ferr…

Celiachia nel bambino: conoscerl…

Milano, 15 settembre 2014…

Malattie autoinfiammatorie rare …

[caption id="attachment_1…

Sclerosi multipla: prima volta s…

La ricerca italiana segna…

Pallacanestro Varese: ora anche …

Già da febbraio Pallacane…

Rivaroxaban ottiene la rimborsab…

Milano, 29 Agosto 2014 – …

ADHD: la necessità di percorsi d…

Dal modello adottato dall…

Uno studio rivela che l'aria è p…

[caption id="attachment_1…

Diabete 1, in arrivo una cura d…

Novità incoraggianti da…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Identificate le staminali necessarie per la formazione del ventricolo

Identificata una popolazione di cellule chiave per la formazione del muscolo cardiaco. I ricercatori del Massachussets General Hospital di Boston (Stati Uniti) sono infatti riusciti a scoprire, grazie a degli esperimenti compiuti su delle cavie di laboratorio, le cellule progenitrici del ventricolo del cuore dei mammiferi. ‘Nel cuore c’e’ una grande varieta’ di cellule muscolari e non, che derivano da due tipi di progenitori’ ha spiegato Ibrahim Domian, a capo della ricerca pubblicata sulla rivista Science.
‘Comprendere quali cellule danno origine a quali parti del corpo e’ di fondamentale importanza, sia per capire come il cuore funziona, sia per aprire la strada a nuove terapie di medicina cardiovascolare rigenerativa’. Per identificare quali erano le cellule responsabili della formazione del ventricolo, i ricercatori hanno utilizzato dei marcatori fluorescenti rossi e verdi iniettati all’interno di embrioni di topo in via di sviluppo. ‘Con questo sistema, le progenitori del ventricolo sono state isolate’ ha detto Domian. ‘Le abbiamo quindi usate per costruire del tessuto ventricolare isolato, capace di ‘battere’: qualcosa che non si era in grado di fare in precedenza’. Domian e’ fiducioso che la ricostruzione di tessuto cardiaco, utilizzata assieme a cellule staminali, possa essere utile a costruire delle terapie cardiovascolari fatte a misura di paziente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: