Nel giorno delle professioni i f…

Roma, 1° marzo 2012 - Il …

Disturbi del sonno: potrebbe ess…

Studio della Harvard Medi…

Morte neuronale: il ruolo crucia…

La comprensione del ruolo…

La memoria e le capacità rievoca…

Il migliore fattore predi…

Tumori prostatici: nanoparticell…

Una nuova strategia che, …

Contro i virus non sempre è nece…

Una sperimentazione sui t…

Medicina rigenerativa: cellule e…

[caption id="attachment_8…

A Valenza una giornata di inform…

Mercoledì 13 aprile, a Va…

Farmaci innovativi sul territori…

Roma, 6 novembre 2014. “A…

Cancro: terapia col virus "Rigvi…

Stranamente, i malati di …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Tumori: salgono a 231 i geni identificati, responsabili di testa e collo

Identificati 231 nuovi geni associati con il cancro alla testa e al collo, responsabili del 2,1 per cento dei decessi per tumore negli Stati Uniti. “Prima di oggi, i geni associati a questo tipo di cancro erano solo 33”, ha detto Maria J. Worsham, ricercatrice dell’Henry Ford Hospital (Stati Uniti), a capo dello studio presentato al meeting annuale dell’American Academy of Otolaryngology-Head & Neck Surgery Foundation a San Diego.
“Ora, grazie alle nuove scoperte, possiamo – ha continuato – aprire la strada a nuove tecniche e trattamenti molecolari contro il cancro al collo e alla testa”. Questa malattia, che ha colpito 55 mila americani e causato 13 mila decessi quest’anno, causa tumori in punti delicati come bocca, naso, gola e linfonodi nel collo. Spesso per essere trattato necessita di operazioni chirurgiche, chemioterapie o radiazioni. “La principale causa dei cancri alla testa e al collo e’ l’uso di tabacco e dell’alcol”, ha spiegato Worsham. “Le anomalie genetiche – ha proseguito – che si sviluppano in seguito all’uso di alcol e tabacco attivano la formazione del tumore. Tuttavia, identificando i geni anomali e disattivandoli grazie alla tecnica della metilazione del Dna, potremmo essere in grado di intervenire precocemente sul cancro nelle sue prime fasi di sviluppo. In questo modo, al paziente saranno risparmiate lunghe e stressanti terapie”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi