Erdosteina ottiene la designazio…

Un significativo riconosc…

Dal CNR il ClopHensor, il biosen…

[caption id="attachment_8…

Osteoporosi: il 20 ottobre 'H-OP…

L’iniziativa, promossa da…

Rete neurale comune a tutti i ve…

A dispetto della vasta ga…

Il cervello scova la bugia in me…

CI VUOLE meno di un secon…

Tumori: nuovo test a basso costo…

Messa a punto una nuova m…

L'importanza del pH del sangue c…

[caption id="attachment_7…

Fecondazione assistita: 4.000 le…

Non si ferma il turismo d…

Alzheimer: ricerche portano scie…

Alcuni ricercatori riteng…

Nati prematuri: il contatto dell…

Ancora meglio dei farmaci…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Yogurt: fermenti lattici limitano assorbimento calorie, ottimo contro diabete e obesità

ROMA – Una dieta ricca di fibre vegetali e yogurt, cominciata già nello svezzamento, favorisce lo sviluppo di una flora batterica protettiva e aiuta a prevenire obesità e diabete. Lo dimostra uno studio finlandese presentato a Riccione, nel congresso della Società Italiana di Diabetologia.

La ricerca, condotta su 50 bambini seguiti dalla nascita fino all’età di 7 anni, dimostra che i fermenti lattici non agiscono soltanto sulla mucosa intestinale, come si credeva, ma hanno effetti importanti per l’intero organismo.



Regolano infatti l’assorbimento di energia dagli alimenti e possono ridurlo del 2%: “questo nell’arco di anni e decenni può fare la differenza fra il restare normopeso o mettere su qualche chilo di troppo”, ha spiegato Rosalba Giacco, dell’Istituto di Scienza dell’alimentazione del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Cnr) ad Avellino.

I fermenti lattici producono infatti acido acetico, propionico e butirrico: “i primi due vanno nella circolazione sanguigna e regolano la produzione epatica di glucosio e grassi come colesterolo e trigliceridi, l’acido butirrico “nutre” e protegge le cellule intestinali”, ha osservato l’esperta.



“Gli obesi – ha aggiunto – hanno una flora intestinale completamente diversa da quella di chi è magro. E quando perdono peso, la flora si modifica e aumenta la quantità di batteri buoni”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi