Cancro al seno nelle giovani don…

Il cancro al seno nelle d…

Quattromila composti chimici nel…

Il database è accessibile…

Apnea notturna e rischio di polm…

Le persone con apnea nott…

Il resveratrolo, molecola natura…

[caption id="attachment_2…

Perdere peso limitando il tempo …

Limitare il tempo di cons…

L'origine delle piante verdi

L'analisi di 129 geni di …

Endometriosi: nuove frontiere pe…

A VERONA SI RIUNISCONO …

Alla scoperta del sistema immuni…

Un nuovo studio indica ch…

Fegato grasso o steatosi epatica…

Roma, 26 nov - Non sempre…

Ingegnerizzato lo splicing per m…

[caption id="attachment_1…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Antiossidanti: per preservare capacità e tono muscolare

Le funzioni muscolari preservate da dieta ricca di antiossidanti.Riuscire a mantenere la forza e le funzioni muscolari con il passare degli anni è una sfida che sarebbe bello poter vincere.

L'azione della vitamina C, come antiossidante

L'azione della vitamina C, come antiossidante

Tenendo conto che la forza e le funzioni muscolari iniziano il proprio declino dopo i 40 anni e peggiorano sensibilmente dopo i 60, è utile sapere che una dieta ricca di antiossidanti può combattere questa tendenza drammatica.

In particolare l’assunzione e l’assorbimento di vitamine come la C e la E, possono aiutare in queste fasi della vita secondo un recente studio condotto dalla dr.ssa Anne Newman e colleghi dell’Università di Pittsburgh (Usa) su 2.000 adulti di entrambi i sessi con età di 70 anni.



I ricercatori sottolineano come il passare degli anni sia un indicatore di rischio fragilità e disabilità, ma certe strategie possano ritardare la perdita di forza.
La dieta ideale, suggerisce Newman, prevede l’assunzione di una media giornaliera di vitamina C e vitamina E di 144 e 11 mg, rispettivamente. In più sarebbe bene associare alla dieta un adeguato apporto di proteine e svolgere dell’attività fisica moderata e adatta all’età.
Sarebbe importante assumere questi elementi tramite gli alimenti come frutta e verdura che ne sono ricche e diminuire al contempo l’assunzione di sodio.



A conclusione dello studio la dr.ssa Newman ha commentato che questo è «un altro motivo per i medici per incoraggiare i pazienti ad avere una dieta equilibrata ricca di frutta e verdura».

Source: lo studio è stato presentato al Gerontological Society of America’s annual meeting tenutosi ad Atlanta (Usa) dal 18 al 22 novembre 2009.


La Stampa

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi