Test genetico per prevedere risc…

[caption id="attachment_8…

Robots: ricercatori studiano l'a…

La ricerca nel campo dell…

[IIT] HyQ scavalca gli ostacoli …

HyQ, il robot quadruped…

Dieta vegetariana: i punti "a ri…

La dieta vegetariana è un…

La fase III dello studio GALA pu…

Gerusalemme,  Luglio 2013…

Approvata in Europa la formulazi…

Ingelheim, Germania, …

La conseguenza del dolore cronic…

Quasi 1 paziente su 2…

Nuove frontiere di intervento co…

Venerdì 20 marzo esperti …

Spending review: i bambini resti…

Ben 34 associazioni sotto…

Ricercatori di Potsdam ottengono…

[caption id="attachment_2…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Antiossidanti: per preservare capacità e tono muscolare

Le funzioni muscolari preservate da dieta ricca di antiossidanti.Riuscire a mantenere la forza e le funzioni muscolari con il passare degli anni è una sfida che sarebbe bello poter vincere.

L'azione della vitamina C, come antiossidante

L'azione della vitamina C, come antiossidante

Tenendo conto che la forza e le funzioni muscolari iniziano il proprio declino dopo i 40 anni e peggiorano sensibilmente dopo i 60, è utile sapere che una dieta ricca di antiossidanti può combattere questa tendenza drammatica.

In particolare l’assunzione e l’assorbimento di vitamine come la C e la E, possono aiutare in queste fasi della vita secondo un recente studio condotto dalla dr.ssa Anne Newman e colleghi dell’Università di Pittsburgh (Usa) su 2.000 adulti di entrambi i sessi con età di 70 anni.



I ricercatori sottolineano come il passare degli anni sia un indicatore di rischio fragilità e disabilità, ma certe strategie possano ritardare la perdita di forza.
La dieta ideale, suggerisce Newman, prevede l’assunzione di una media giornaliera di vitamina C e vitamina E di 144 e 11 mg, rispettivamente. In più sarebbe bene associare alla dieta un adeguato apporto di proteine e svolgere dell’attività fisica moderata e adatta all’età.
Sarebbe importante assumere questi elementi tramite gli alimenti come frutta e verdura che ne sono ricche e diminuire al contempo l’assunzione di sodio.



A conclusione dello studio la dr.ssa Newman ha commentato che questo è «un altro motivo per i medici per incoraggiare i pazienti ad avere una dieta equilibrata ricca di frutta e verdura».

Source: lo studio è stato presentato al Gerontological Society of America’s annual meeting tenutosi ad Atlanta (Usa) dal 18 al 22 novembre 2009.


La Stampa

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!