Tolleranza batterica: svelato il…

Sopravvivere agli antibio…

Presbiopia: si può curare col la…

Mantenere giovane la vist…

Medicina rigenerativa: riparare …

Una sorta di 'macchina de…

Diabete: livelli glicemici nei r…

Misurare i livelli glicem…

Un biochip ottico come nuovo mar…

[caption id="attachme…

Chemioterapia: cuffia refrigeran…

Una speciale “cuffia re…

Modello virtuale di cervello per…

Creato un modello vir…

Il modello genomico del lievito …

Attraverso l'analisi dell…

Balbuzie: basterebbe una settima…

Appena una settimana di "…

Lo sviluppo di testicoli si stud…

[caption id="attachment_8…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Apnee notturne e bruxismo: due fenomeni con origini comuni

Scoperto il collegamento tra le apnee notturne e il digrignare dei denti.

i muscoli facciali coinvolti dal fenomeno del bruxismo

i muscoli facciali coinvolti dal fenomeno del bruxismo

Il bruxismo (contrazioni muscolari che fanno digrignare i denti, soprattutto durante il sonno) e’ infatti risultato essere particolarmente frequente nei pazienti che soffrono di apnee notturne di tipo ostruttivo, secondo uno studio presentato al CHEST 2009, meeting annuale dell’American College of Chest Physicians (ACCP).
“Un paziente di apnee notturne su quattro soffre di bruxismo”, ha detto Shyam Subramanian, del Baylor College of Medicine di Houston, Stati Uniti. “Cio’ e’ dovuto principalmente a un meccanismo di risposta automatica: le apnee notturne sono infatti spesso accompagnate da altri movimenti della bocca, tra cui quelli dei denti”. Altri fattori che sembrano spiegare il collegamento tra questi due fenomeni sono l’ansieta’ e l’uso di caffeina. “Alti livelli di stress da ansia possono causare il bruxismo, cosi’ come l’abuso di caffeina dovuto alla difficolta’ di rimanere svegli la mattina in seguito a una notte insonne”, ha detto Subramanian. “Inoltre, il collegamento tra apnee e bruxismo e’ molto piu’ frequente nei maschi di etnia caucasica”. Il bruxismo, del quale soffre l’8 per cento della popolazione americana, puo’ causare danni e degrado della copertura dentaria, dolori alla mandibola, mal di testa e altri disturbi del sonno.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x