Il tavolo con l’AIFA apre un per…

Su tutti i temi cruciali …

Vaccino veicolato da bioimpianto…

...anche se la sensaziona…

Fondazione Veronesi: tumori, gli…

In un caso su 20 segnalan…

Carcinoma ovarico: scoperti pept…

Il carcinoma ovarico potr…

Protesi PIP e Codacons: per il T…

"Il Tar del Lazio, con un…

Il veleno dello scorpione: alter…

[caption id="attachment_6…

Studi sul gene del linguaggio sv…

Una nuova ricerca mostra …

Salute e Farmaceutica: gli About…

App, video, Social Market…

Risonanza magnetica e PET insiem…

A Napoli nuovo macchinari…

Obesità: il palloncino per la ri…

Prima sperimentazione al …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Apnee notturne e bruxismo: due fenomeni con origini comuni

Scoperto il collegamento tra le apnee notturne e il digrignare dei denti.

i muscoli facciali coinvolti dal fenomeno del bruxismo

i muscoli facciali coinvolti dal fenomeno del bruxismo

Il bruxismo (contrazioni muscolari che fanno digrignare i denti, soprattutto durante il sonno) e’ infatti risultato essere particolarmente frequente nei pazienti che soffrono di apnee notturne di tipo ostruttivo, secondo uno studio presentato al CHEST 2009, meeting annuale dell’American College of Chest Physicians (ACCP).
“Un paziente di apnee notturne su quattro soffre di bruxismo”, ha detto Shyam Subramanian, del Baylor College of Medicine di Houston, Stati Uniti. “Cio’ e’ dovuto principalmente a un meccanismo di risposta automatica: le apnee notturne sono infatti spesso accompagnate da altri movimenti della bocca, tra cui quelli dei denti”. Altri fattori che sembrano spiegare il collegamento tra questi due fenomeni sono l’ansieta’ e l’uso di caffeina. “Alti livelli di stress da ansia possono causare il bruxismo, cosi’ come l’abuso di caffeina dovuto alla difficolta’ di rimanere svegli la mattina in seguito a una notte insonne”, ha detto Subramanian. “Inoltre, il collegamento tra apnee e bruxismo e’ molto piu’ frequente nei maschi di etnia caucasica”. Il bruxismo, del quale soffre l’8 per cento della popolazione americana, puo’ causare danni e degrado della copertura dentaria, dolori alla mandibola, mal di testa e altri disturbi del sonno.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi