I tagli indiscriminati sono l’op…

Roma, 5 luglio 2012 - “E’…

Come l'aglio si ritrova ad esser…

Un composto presente nel …

Leucemia: scoperto il gene che p…

Mutazioni nel gene GATA2 …

Il DNA mitocondriale racconta la…

L’uomo non africano s…

Papilloma virus: proteina-ponte …

È una proteina chiamata b…

L’aumento della spesa privata in…

La scelta di mettere on-l…

Autismo: Pediatri e Regione Tosc…

L'unione fa la forza anc…

Nelle staminali del tessuto adip…

Una riserva di giovinezza…

Il Pacemaker più piccolo del mon…

[caption id="attachment_1…

Rosolia in gravidanza: il perico…

I dati dell'Istituto Supe…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Apnee notturne e bruxismo: due fenomeni con origini comuni

Scoperto il collegamento tra le apnee notturne e il digrignare dei denti.

i muscoli facciali coinvolti dal fenomeno del bruxismo

i muscoli facciali coinvolti dal fenomeno del bruxismo

Il bruxismo (contrazioni muscolari che fanno digrignare i denti, soprattutto durante il sonno) e’ infatti risultato essere particolarmente frequente nei pazienti che soffrono di apnee notturne di tipo ostruttivo, secondo uno studio presentato al CHEST 2009, meeting annuale dell’American College of Chest Physicians (ACCP).
“Un paziente di apnee notturne su quattro soffre di bruxismo”, ha detto Shyam Subramanian, del Baylor College of Medicine di Houston, Stati Uniti. “Cio’ e’ dovuto principalmente a un meccanismo di risposta automatica: le apnee notturne sono infatti spesso accompagnate da altri movimenti della bocca, tra cui quelli dei denti”. Altri fattori che sembrano spiegare il collegamento tra questi due fenomeni sono l’ansieta’ e l’uso di caffeina. “Alti livelli di stress da ansia possono causare il bruxismo, cosi’ come l’abuso di caffeina dovuto alla difficolta’ di rimanere svegli la mattina in seguito a una notte insonne”, ha detto Subramanian. “Inoltre, il collegamento tra apnee e bruxismo e’ molto piu’ frequente nei maschi di etnia caucasica”. Il bruxismo, del quale soffre l’8 per cento della popolazione americana, puo’ causare danni e degrado della copertura dentaria, dolori alla mandibola, mal di testa e altri disturbi del sonno.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!