Dipendenze da droghe: laser aiut…

Un gruppo di scienzia…

Canagliflozin garantisce sostanz…

I 5 studi sono stati pres…

Dal 9 all'11 giugno tutti in cam…

Sport, corretto approccio…

Tossicodipendenze: medici di fam…

La proposta, lanciata da …

Percorsi di cura oltre la malatt…

Controlli clinici e perco…

PILLOLA E DEPRESSIONE. COSA C’È …

La SIC-Società italiana d…

Rotary e Aquaplus al primo impor…

Milano, 20 maggio – 360mq…

Alzheimer: da una nuova scoperta…

La scoperta di una nuova…

Non solo più botox e filler: sar…

Non piu' solo botox e fil…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Il carbone attivo aiuta il cuore dei pazienti con nefropatie

Il carbone attivo alleviare le complicanze cardiache che spesso si riscontrano nei pazienti affetti da malattie renali.

E’ quanto emerge dallo studio presentato in occasione dell’American Society of Nephrology Annual Meeting and Scientific Exposition tenutosi a San Diego, in California, dai ricercatori della Vanderbilt University di Nashville, in Tennessee (Usa). La ricerca, condotta su un gruppo di topi affetti da patologie renali ai quali e’ stato somministrato l’Ast-120 – una forma di carbone attivo che si assume per via orale -, ha dimostrato che il minerale determina una riduzione drastica delle cardiopatie correlate alle patologie renali. ‘Il nostro studio – spiega Valentina Kon della Vanderbilt University – ha dimostrato che la somministrazione di carbone attivo per via orale puo’ ridurre le lesioni aterosclerotiche nei topi affetti da disturbi renali.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi