Il cervello, invecchiando, dimin…

Con l'invecchiamento i ca…

Il 9 febbraio si celebra la 1° G…

Roma, 6 febbraio 2015 – I…

Terapie per la fertilità non min…

Le terapie per la fer…

Pillola del giorno dopo è contra…

La pillola del giorno dop…

Infarto del miocardio: uomini pa…

Rispetto alle donne, gli …

Chirurgia bariatrica: non compor…

''Le operazioni di chirur…

Autismo: la fretta della diagnos…

Una diagnosi di autismo s…

Scoperta proteina blocca tumore

[caption id="attachment_5…

Tecniche imaging per predire la …

Tecniche di imaging avanz…

Lo spermatozoo che incontra l'ov…

Scienziati Usa fotografan…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Il carbone attivo aiuta il cuore dei pazienti con nefropatie

Il carbone attivo alleviare le complicanze cardiache che spesso si riscontrano nei pazienti affetti da malattie renali.

E’ quanto emerge dallo studio presentato in occasione dell’American Society of Nephrology Annual Meeting and Scientific Exposition tenutosi a San Diego, in California, dai ricercatori della Vanderbilt University di Nashville, in Tennessee (Usa). La ricerca, condotta su un gruppo di topi affetti da patologie renali ai quali e’ stato somministrato l’Ast-120 – una forma di carbone attivo che si assume per via orale -, ha dimostrato che il minerale determina una riduzione drastica delle cardiopatie correlate alle patologie renali. ‘Il nostro studio – spiega Valentina Kon della Vanderbilt University – ha dimostrato che la somministrazione di carbone attivo per via orale puo’ ridurre le lesioni aterosclerotiche nei topi affetti da disturbi renali.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!