Rosolia in gravidanza: il perico…

I dati dell'Istituto Supe…

I segreti della memoria "spazial…

Due nuove ricerche sui ra…

Il ruolo dei prioni nella memori…

Le proteine prioniche, no…

Bill Gates contro la malaria con…

[caption id="attachme…

[Studio EBRI] Il mondo dei neuro…

Percezione sensoriale, in…

Diabete e demenza: una dose intr…

Un nuovo studio mostra ch…

Medicina rigenerativa: riparare …

Una sorta di 'macchina de…

Sole e salute: l'importanza dell…

Esposizione al sole ed al…

SIN per la Sclerosi multipla: gr…

SM e gravidanza: da una r…

Infezioni intestinali da Clostri…

Sono praticamente raddopp…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Il carbone attivo aiuta il cuore dei pazienti con nefropatie

Il carbone attivo alleviare le complicanze cardiache che spesso si riscontrano nei pazienti affetti da malattie renali.

E’ quanto emerge dallo studio presentato in occasione dell’American Society of Nephrology Annual Meeting and Scientific Exposition tenutosi a San Diego, in California, dai ricercatori della Vanderbilt University di Nashville, in Tennessee (Usa). La ricerca, condotta su un gruppo di topi affetti da patologie renali ai quali e’ stato somministrato l’Ast-120 – una forma di carbone attivo che si assume per via orale -, ha dimostrato che il minerale determina una riduzione drastica delle cardiopatie correlate alle patologie renali. ‘Il nostro studio – spiega Valentina Kon della Vanderbilt University – ha dimostrato che la somministrazione di carbone attivo per via orale puo’ ridurre le lesioni aterosclerotiche nei topi affetti da disturbi renali.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x