Quattromila composti chimici nel…

Il database è accessibile…

Alzheimer: fibrille proteine tau…

Le malattie del cervello …

Una Farmacopea con meno burocraz…

L’Istituto Superiore di…

Memoria e capacità cognitive: il…

Secondo un nuovo studio i…

Tumori al rene: promettente la r…

Uno studio verifica la si…

Dolore: i medici potranno sentir…

L'arma segreta dei grandi…

ADUC: USA stanzia 4,5 mld per un…

NeoStem, con base nel New…

Colite ulcerosa: ingerire dei ve…

[caption id="attachment_1…

Biotecnologie dedicate al "sorri…

Secondo un vecchio detto,…

Leucemia linfoblastica acuta phi…

[caption id="attachment_7…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Herpes genitalis: piu’ pericoloso nella fase di latenza

E’ piu’ pericoloso proprio quando sembra inattivo: il virus Herpes simplex di tipo II, meglio conosciuto come Herpes genitale – noto perche’ causa lesioni genitali ed e’ trasmissibile sessualmente – e’ piu’ attivo proprio quando non si manifesta.

A suggerirlo e’ una ricerca condotta dall’Universita’ di Washington (Seattle, Stati Uniti), pubblicata sulla rivista Science Translational Medicine, da cui emerge che anche se non si manifesta il virus e’ continuamente presente nelle terminazioni nervose e risulta contagioso.


I ricercatori dopo aver quantificato i parametri virologici di pazienti che presentavano Herpes simplex di tipo II (HSV-2), hanno messo in evidenza che i livelli di virulenza erano maggiori proprio quando gli effetti del virus erano invisibili: ”Sappiamo da molti anni che l’Herpes si conserva nei nervi dell’organismo che lo ospita in uno stato latente. E in effetti, e’ come se il virus si ibernasse – afferma Joshua Schiffer, docente dell’Universita’ di Washington -. La nostra ricerca suggerisce che il virus viene continuamente rilasciato dai nervi e, contrariamente a quanto si pensava fino ad oggi, anche quando e’ dormiente non e’ innocuo”.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!