Psoriasi: sono ancora tanti (7 s…

Sette italiani su dieci c…

Proteina in grado di riconoscere…

Rivelato il meccanismo mo…

Psoriasi non solo come malattia …

La psoriasi, malattia der…

Prorogata la scadenza della terz…

30 novembre il nuovo term…

Leucemia Linfoblastica Infantile…

Individuato per la p…

Sinusite: nuovo metodo di diagno…

Un nuovo metodo di diagno…

Diabete di tipo 2: trovate sei n…

Sei nuove varianti geneti…

Nervi danneggiati: gel che li ri…

Grazie a un impianto …

Sindrome di Down: madre ricercat…

La notissima epigallocate…

In alta quota la pressione arter…

La ridotta disponibilità …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Insulina-resistenza: negli obesi è una proteina la causa

Scoperta molecola responsabile dello sviluppo dell’insulino-resistenza e del diabete di tipo 2 nelle persone in sovrappeso od obese.

Diagramma molecola CXCL5

Diagramma molecola CXCL5

Un gruppo di ricercatori europei ha scoperto che le persone obese hanno una grande quantita’ della molecola ‘CXCL5’, prodotta da alcune cellule del tessuto adiposo. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista Cell Metabolism.



La sedentarieta’ e l’obesita’ sono i principali fattori di rischio per il diabete di tipo 2. E’ noto inoltre che le sostanze prodotte dal tessuto adiposo sono responsabili del collegamento tra obesita’ e diabete. “L’infiammazione cronica del tessuto adiposo, che e’ tipica delle persone obese, e’ una fase cruciale nello sviluppo dell’insulina-resistenza e del diabete di tipo 2”, ha detto Lluis Fajas, ricercatore dell’Institute of Health and Medical Research (Inserm) in Francia e autore dello studio. Dai risultati dello studio e’ emerso che i livelli sierici di una molecola chemochine chiamata ‘CXCL5′, prodotta da alcune cellule del tessuto adiposo, appaiono molto piu’ elevati nei tessuti delle persone obese rispetto a quelli delle persone che hanno un peso nella norma. Questo ha permesso ai ricercatori di concludere che “la molecola CXCL5 faciliti lo sviluppo dell’insulino-resistenza e del diabete di tipo 2”, ha detto Fajas. La parte piu’ importante dello studio e’ la scoperta che un trattamento sperimentale e’ in grado di inibire l’azione di CXCL5, contribuendo a proteggere i topi obesi dallo sviluppo del diabete di tipo 2. “Se questi studi venissero confermati negli esseri umani, questo trattamento potrebbe rappresentare un sostanziale miglioramento della qualita’ della vita degli individui obesi”, ha concluso il ricercatore.


Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi