Infiammazioni controllate da dif…

Le infiammazioni sono con…

Dengue: si parla molto della zan…

[caption id="attachment_6…

Malattie renali: nuovi studi fan…

[caption id="attachment_7…

Melanoma: il gene dei "rossi" ne…

Il pigmento della pel…

Sclerosi Multipla: casi in aumen…

I casi di sclerosi multip…

Endometriosi: il ruolo chiave de…

Un passo in avanti verso …

Ipertensione resistente: la diag…

Un'accurata valutazione d…

Emofilia: quel gene difettoso ch…

Risultati duraturi a 5 an…

Prima giornata nazionale di sens…

PRIMA GIORNATA NAZIONALE …

Papilloma virus, virus che attac…

Una ricerca dell'Azienda …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Se il maschio e’ un ‘gentleman’ la femmina produce piu’ uova

Fra gli “scooter d’acqua” (Aquarius remigis) quando tutti i maschi sono dei “gentlemen”, le femmine producono tre volte più uova di quando sono tutti aggressivi

Aquarius remigis, oggetto dello studio - lo scooter d'acqua

Aquarius remigis, oggetto dello studio - lo scooter d'acqua

Se appena possono, le femmine per lo più rifiutano i pretendenti aggressivamente insistenti e preferiscono quelli più cortesi. E’ questo il risultato di un accurato studio sul comportamento sessuale degli “scooter d’acqua” (Aquarius remigis), che è facile osservare sugli specchi d’acqua stagnante o nei ruscelli dal flusso lento, condotto da ricercatori dell’Università dell’Arizona e della Binghamton University e pubblicato su “Science”.



La ricerca contraddice precedenti studi di laboratorio che indicavano come i maschi più aggressivi fossero quelli con maggiore successo riproduttivo. “I soggetti gentili non sempre finiscono ultimi”, osserva Omar Tonsi Eldakar, che ha condotto la ricerca in collaborazione con Michael J. Dlugos e John W. Pepper. “In questo studio abbiamo mostrato che i maschi non aggressivi possono avere un vantaggio.”

“Se i precedenti studi fossero stati una rappresentazione realistica della natura, la natura dovrebbe essere ricolma di individui iper-aggressivi, ma non è così. Ci doveva dunque essere qualcosa di errato in quell’idea e ora sappiamo cosa”, aggiunge Pepper.

Nei precedenti studi sul conflitto sessuale i movimenti degli individui sono stati in generale limitati a un ambiente unico e ristretto, portando a una enfatizzazione della competizione locale, osserva Eldakar: “Se si mette in competizione diretta per una risorsa limitata lo sfruttamento e la prudenza, ci si mette in uno scenario che favorisce una strategia a breve termine di sfruttamento, rendendo difficile l’osservazione dei vantaggi di un comportamento più assennato.”

“Questo però non riflette accuratamente ciò che avviene nelle popolazioni naturali. Se si permette agli individui di auto-organizzarsi, le femmine trovano i soggetti gentili e fanno gruppo con essi, cambiando il panorama della competizione.”

Nell’esperimento condotto da Eldakar e Dlugos l’ambiente sperimentale era suddiviso in più aree comunicanti che potevano essere aperte o chiuse in modo da permettere il passaggio o l’isolamento dei gruppi di insetti.

“Quando si aprivano le porte, le femmine lasciavano quello spazio quando arrivava uno ‘psicopatico’, finendo per dar luogo a una situazione in cui le femmine si associavano ai gruppi di gentlemen. E’ la possibilità di movimento che crea le differenze fra gruppi che favoriscono i maschi non aggressivi.”

Inoltre, “la presenza di individui ‘psicopatici’ riduce drasticamente la produttività della popolazione. Quando tutti i maschi sono dei gentlemen, le femmine producono tre volte più uova di quando sono tutti psicopatici.”

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!