Riconoscere il dolore al petto, …

[caption id="attachment_8…

Papillomavirus Umano (HPV): anco…

A 20 anni si riscontra la…

Batterio della peste bubbonica d…

L'analisi dei ricercatori…

Psoriasi non solo come malattia …

La psoriasi, malattia der…

HIV: scoperto il meccanismo che …

[caption id="attachment_7…

Mylanservizi.it: la piattaforma …

Ottimizzazione del temp…

Una nuova teoria che smentisce i…

[caption id="attachment_5…

In Sanità occorre rivedere i tag…

La ricognizione della sit…

Termalismo: a Monfalcone gocce d…

Le rinnovate Terme Roma…

Melatonina per la fibromialgia: …

Alcuni dati suggerisc…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Nuova tecnica per la decodifica del genoma: meno tempo e meno denaro

Washington, 21 dic. – Sviluppato un nuovo sistema di sequenziamento del Dna, capace di rendere il sequenziamento dei genomi piu’ veloce ed economico riducendo sensibilmente la quantita’ di materiale genetico necessario. La nuova tecnica, realizzata dai ricercatori della Boston University negli Stati Uniti e pubblicata sulla rivista Nature Nanotechnology, elimina il lungo e difficile processo dell’amplificazione del Dna, finora necessario per ottenere abbastanza materiale genetico per il sequenziamento del genoma. “Grazie a dei campi elettrici e a dei pori di dimensioni minuscole, siamo in grado di percepire le singole molecole di Dna con una precisione senza precedenti”, ha spiegato Amit Meller, professore a capo dello studio. “La nostra tecnica consiste in campi elettrici che attraggono le lunghe molecole di Dna, facendole passare attraverso dei micropori della larghezza di 4 nanometri. Grazie a sensori elettrici altamente sensibili possiamo rivelare il passaggio di ogni singola molecola. E’ un po’ come far passare del filo lungo un telaio”.


Attualmente, il sequenziamento dei genomi utilizza la tecnica dell’amplificazione del Dna per produrre le milioni di copie di necessarie per ottenere un campione abbastanza grande per essere analizzato. “In aggiunta al grande tempo impiegato per questa tecnica, le copie delle molecole vengono replicate in maniera imperfetta”, ha detto Meller. “Facendo passare le molecole attraverso i nanopori, invece, siamo in grado di leggere la sequenza del Dna direttamente, senza doverne produrre molte copie”. Inoltre le tecniche attuali, come spiega Meller, non permettono di sequenziare frammenti al di sopra di 1.000 paia di basi azotate.

“Con questo sistema, invece, potremmo leggere direttamente sequenze lunghissime, senza doverle spezzare. Questa tecnica e’ sorprendentemente facile ed economica se confrontata con le altre esistenti. Si aprono nuovi scenari per il sequenziamento dei genomi”, ha concluso il ricercatore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: