Borsite: plasma del sangue caric…

Il trattamento con plasma…

Botanica: l'orologio circadiano …

[caption id="attachment_1…

Alzheimer: la massa cerebrale re…

Ogni anno chi sta per svi…

Nessun legame tra tumori e caffe…

[caption id="attachment_8…

Posticipato di un mese il termin…

Rinviata al 30 settemb…

Diabete e immersioni subacquee: …

Grazie al protocollo mess…

Un gene interruttore molecolare …

[caption id="attachment_1…

Carcinoma colon rettale: la medi…

L'incidenza grezza del ca…

La diagnosi genetica preimpianto…

Carlo Bulletti Diretto…

Complicanze in chirurgia plastic…

Firenze, 18 marzo 2014 – …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Peptide della soia con proprietà anti-cancro

Prodotti di scarto della lavorazione della soia, dimostrano forti proprietà anti-tumorali, anti-ictus, diabete e malattie cardiache. Sarà che la natura ci sta suggerendo che e come non esistono scarti, e come si riciclano tutte le sostanze?
È il caso di un prodotto “di scarto” della lavorazione della soia che, secondo due studi condotti presso l’Università dell’Illinois (Usa), può essere utile per combattere la leucemia e bloccare l’infiammazione a causa di malattie croniche come diabete, malattie cardiache e ictus.

Il peptide in questione si chiama Lunasin e nello studio condotto per verificarne l’effetto sulle cellule cancerose della leucemia, i ricercatori hanno identificato una sequenza chiave di aminoacidi che ha causato la morte delle cellule leucemiche per mezzo dell’attivazione di una proteina detta Caspasi-3. Gli aminoacidi attivi sono l’arginina, la glicina e l’acido aspartico, noti anche come sequenza RGD.


La dr.ssa Elvira de Mejia ha descritto l’utilizzo del lunasin confermandone la biodisponibilità nell’organismo umano per mezzo di un altro studio in cui sono stati somministrati 50 g di proteine della soia per cinque giorni. Significativi livelli di questo peptide, infatti, sono stati trovati nel sangue dei partecipanti allo studio.
Questo conferma la scoperta di una ricerca che segnalava per la prima volta come il lunasin avesse bloccato o ridotto l’attivazione di un maker chiave (NF-kappa-B) nella catena di eventi biochimici che causano le infiammazioni. Vi è anche stata una riduzione statisticamente significativa dell’interleuchina-1 e l’interleuchina-6, che giocano entrambe ruoli importanti nel processo infiammatorio. In particolare, la riduzione dell’interleuchina-6 è stata molto alta.
Un altro studio ha confermato la capacità del lunasin di inibire la topoisomerasi II, un enzima che evidenzia lo sviluppo del cancro.
«Sappiamo che l’infiammazione cronica è associata a un aumentato rischio di neoplasie maligne, che essa è un fattore critico nella progressione tumorale» ha dichiarato la dr.ssa de Mejia. «E possiamo vedere che il consumo giornaliero di proteine della soia ricche di lunasin può contribuire a ridurre l’infiammazione cronica. Studi futuri dovrebbero aiutarci a formulare raccomandazioni dietetiche» conclude de Mejia.

Source: gli studi citati sono stati pubblicati su “Molecular Nutrition and Food Research”, “Food Chemistry”, “Journal of Agricultural and Food Chemistry”, “Journal of AOAC International”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi