La contraccezione diventa 2.0

È online la Fan Page de…

Psoriasi: dal sole arriva un aiu…

Secondo un dermatolog…

Modello computerizzato per preve…

Sviluppato nuovo modello …

Cancro alla prostata: il sesso f…

Gli uomini che hanno avut…

Infarto del miocardio: uomini pa…

Rispetto alle donne, gli …

Ibuprofene: via il mal di testa,…

Il popolarissimo ibuprofe…

Sclerosi multipla: prima volta s…

La ricerca italiana segna…

Scompenso cardiaco: l'Universita…

Sono stati scoperti i mec…

trattamento del linfoma ALK-posi…

Università di Milano-Bico…

A Cagliari i massimi esperti del…

Fino al 14 ottobre verran…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Da cellule della pelle a neuroni senza passaggi intermedi


Finora si riteneva indispensabile riportare prima le cellule già differenziate a uno stato di pluripotenza indotta.
Trasformare cellule della pelle di topo in neuroni funzionanti: c’è riuscito un gruppo di ricercatori dello Stanford University Medical Center con l’l’inoculazione di tre geni. Questo cambiamento è avvenuto senza dover prima riportare le cellule allo stadio di pluripotenza, un passo a lungo ritenuto indispensabile per poter riconvertire delle cellule già differenziate.

La scoperta, descritta in un articolo pubblicato su “Nature” potrebbe rivoluzionare le future terapie basate sulle cellule staminali, e richiedere una riorganizzazione delle conoscenze sulle modalità con cui le cellule si differenziano e conservano lo stato raggiunto.
“Abbiamo direttamente e attivamente indotto un tipo di cellule a diventare una cellula di tipo completamente diverso”, ha detto Marius Wernig, che ha diretto la ricerca. “Si tratta di neuroni perfettamente funzionanti, in grado di fare tutte le principali funzioni svolte da quelli cerebrali”.

Wernig nel 2007 aveva partecipato agli studi grazie a cui il gruppo di ricerca di Rudolf Jaenisch del Whitehead Institute, in Massachusetts, era riuscito a indurre uno stato di pluripotenza in cellule di pelle umana infettate con fattori di trascrizione ricavate da staminali in vista di una loro successiva differenziazione in un tipo cellulare differente. Successivamente si è posto la domanda se il passaggio attraverso il ritorno alla pluripotenza fosse strettamente necessario.
Per testare l’ipotesi Wernng e colleghi hanno iniziato a studiare 19 geni coinvolti o nella riprogrammazione epigenetica o nello sviluppo dei neuroni, infettando attraverso un lentivirus cellule di topo con quei geni e osservando la risposta cellulare. In questo modo sono arrivati a isolare un gruppo di soli tre geni
La ricerca suggerisce quindi una via alternativa alla riconversione alla pluripotenza per ottenere cellule differenziate di altro tipo. Secondo Wernig trovando la giusta combinazione di geni che specificano il “destino” cellulare e inserendoli nela cellula differenziata, si innesca un effetto domino nella cellula ricevente che permette di aggirare le modificazioni del DNA che limitano e specificano la funzione cellulare, e di dotare il paesaggio genomico di un nuovo imprinting che ne cambia il destino.
I ricercatori riferiscono inoltre di aver avuto un tasso di successo nella riconversione del 20 per cento, dunque molto superiore a quello che si ottiene attualmente con le cellule prima indotte in uno stato di pluripotenza, che si aggira sull’1-2 per cento.
Ora i ricercatori cercheranno di ottenere risultati analoghi in cellule umane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi