Midollo osseo produce cellule ch…

Il motivo per cui si man…

Scottature da sole: individuata …

Una nuova molecola e' sta…

Demenza: parlare due lingue è qu…

Parlare una seconda lingu…

Speciali miscele lipidiche contr…

La lotta ai batteri multi…

Ricercatori fanno luce sulle imp…

[caption id="attachment_7…

Vista: intervento risolutivo per…

Un unico intervento per p…

Via libera al vaccino per la pre…

Via libera dall'Emea alla…

Orientamento sessuale tra geneti…

Secondo una recente ricer…

Tanoressia: una variante genetic…

Dietro la ricerca spasmod…

Scienziati..fino a dentro le mol…

[caption id="attachment_7…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Sequenziato il genoma dei batterio della carie

E’ un batterio, il Bifidobacterium dentium, e rovina il nostro sorriso perché responsabile della formazione della carie. Ma non ha piu’ segreti in quanto uno studio con a capo Marco Ventura, dell’università di Parma descrive come è avvenuto il completo sequenziamento del genoma del batterio, e pubblicato su Plos Genetics.

”La nostra ricerca ora e’ concentrata sulle modalita’ di formazione della carie, specialmente nei bambini – afferma all’ANSA Ventura -. Utilizzeremo il batterio come una sorta di marcatore molecolare che permetta di monitorare lo sviluppo delle carie legato alla sua presenza”.

Il Bifidobacterium dentium e’ l’unico batterio patogeno del gruppo dei Bifidobatteri, i microrganismi del tratto gastro-intestinale ai quali vengono comunemente attribuiti effetti salutistici. Il batterio patogeno possiede geni che gli consentono di sopravvivere all’interno della bocca e interagire con la microflora batterica responsabile della carie.

”Se riusciremo a capire come questa complessa comunita’ batterica interagisce – aggiunge Ventura – potremo ricavare informazioni su come combatterla”.

Il ricercatore, rientrato da quattro anni in Italia con il progetto ‘Rientro dei cervelli’, fa riferimento ai colluttori: ”in molti prodotti abbiamo riscontrato l’assenza della funzione antibatterica. Conoscere l’interazione del Bifidobacterium dentium, renderebbe possibile realizzare molecole e quindi prodotti, a cui il batterio non sopravvive”.

Un altro ambito di interesse, secondo Ventura, e’ quello del vaccino per la carie, fronte ancora tutto da esplorare per il ricercatore al quale e’ appena scaduto il progetto che l’ha riportato in Italia e ancora non sa se verra’ integrato definitivamente o dovra’ tornare a fare ricerca all’estero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi