Il sistema di crescita di reti c…

Dal metabolismo dei batte…

Identificato il gene della sordi…

[caption id="attachment_6…

Ossigeno inibisce la capacità ri…

Il gas presente nell’aria…

Sintetizzata in laboratorio la H…

Ricercatori dell'Universi…

Occhio bionico: impiantato con s…

Un passo importante per l…

[FOFI] I decreti ci sono, ora ap…

Con la pubblicazione in G…

Cannabis e terapia del dolore: …

All’interno del convegno …

A Cagliari i massimi esperti del…

Fino al 14 ottobre verran…

Spiegata correlazione tra emicra…

[caption id="attachment_5…

Teva annuncia nuovi dati sui pro…

Un congresso sulla ricerc…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Sequenziato il genoma dei batterio della carie

E’ un batterio, il Bifidobacterium dentium, e rovina il nostro sorriso perché responsabile della formazione della carie. Ma non ha piu’ segreti in quanto uno studio con a capo Marco Ventura, dell’università di Parma descrive come è avvenuto il completo sequenziamento del genoma del batterio, e pubblicato su Plos Genetics.

”La nostra ricerca ora e’ concentrata sulle modalita’ di formazione della carie, specialmente nei bambini – afferma all’ANSA Ventura -. Utilizzeremo il batterio come una sorta di marcatore molecolare che permetta di monitorare lo sviluppo delle carie legato alla sua presenza”.

Il Bifidobacterium dentium e’ l’unico batterio patogeno del gruppo dei Bifidobatteri, i microrganismi del tratto gastro-intestinale ai quali vengono comunemente attribuiti effetti salutistici. Il batterio patogeno possiede geni che gli consentono di sopravvivere all’interno della bocca e interagire con la microflora batterica responsabile della carie.

”Se riusciremo a capire come questa complessa comunita’ batterica interagisce – aggiunge Ventura – potremo ricavare informazioni su come combatterla”.

Il ricercatore, rientrato da quattro anni in Italia con il progetto ‘Rientro dei cervelli’, fa riferimento ai colluttori: ”in molti prodotti abbiamo riscontrato l’assenza della funzione antibatterica. Conoscere l’interazione del Bifidobacterium dentium, renderebbe possibile realizzare molecole e quindi prodotti, a cui il batterio non sopravvive”.

Un altro ambito di interesse, secondo Ventura, e’ quello del vaccino per la carie, fronte ancora tutto da esplorare per il ricercatore al quale e’ appena scaduto il progetto che l’ha riportato in Italia e ancora non sa se verra’ integrato definitivamente o dovra’ tornare a fare ricerca all’estero.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!