SIN:Presentati i risultati dei p…

44° CONGRESSO DELLA SOC…

Aiuti "di ferro" riducono l'affa…

I supplementi al ferro s…

Depressione: le lunghe maratone …

Puo' sembrare una cosa in…

Sindrome premestruale, il proble…

Alla base della sindrome …

Sclerosi Multipla e CCSVI: parti…

Reclutati 687 pazienti: s…

Contraccezione "al maschile": st…

Sono promettenti i primi …

Malattie infiammatorie croniche:…

A Bergamo esperti a confr…

Autismo: un farmaco anticancro p…

Un nuovo farmaco sperimen…

Morbo di Parkinson: ricerca vers…

Un team internazionale di…

Nuovo test ematico per rilevare …

Un nuovo esame del sangue…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Identificato un enzima che degrada una proteina presente in molti tumori

la proteina WT1 (Wilms' tumor 1)

la proteina WT1 (Wilms' tumor 1)

Alcuni biologi dell’Università di Buffalo hanno identificato un enzima che degrada una importante proteina presente nei tumori dell’adulto e del bambino. La ricerca, pubblicata su Molecular Cell, potrebbe aprire la strada alla messa a punto di terapie nuove ed efficaci per il trattamento dei tumori in cui è presente la proteina WT1 (Wilms’ tumor 1), e permettere di comprendere meglio le differenze tra il tumore dell’adulto e quello del bambino.
“Il nostro è il primo studio che mostra che il trattamento con farmaci chemioterapici di cellule cancerose messe in coltura può determinare la distruzione della proteina WT1 mediante l’enzima HtrA2/Omi” spiega Stefan Roberts, lead author della ricerca.

“Abbiamo constatato che quando le cellule sono trattate con l’agente chemioterapico etoposide, HtrA2 letteralmente fa a pezzi WT1, una proteina che in numerosi tumori dell’adulto – mammella, polmone e alcune forme di leucemia – agisce da oncogene, stimolando la crescita tumorale” prosegue Roberts. I ricercatori hanno scoperto che, eliminando WT1, le cellule cancerose rispondono meglio al chemioterapico.
In futuro il team investigherà ulteriormente la funzione di WT1, che invece nel tumore del bambino risulta avere una funzione positiva, agendo da onco-soppressore, pertanto in maniera esattamente opposta a quanto avviene nell’adulto.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi