Tabagismo: l'esito delle terapie…

Presto sara' forse possib…

Fecondazione eterologa: condizio…

Il Tribunale civile …

Fecondazione assistita: ultima t…

[caption id="attachment_3…

La latenza del virus HIV viene s…

Un team di ricercatori de…

Fumatori incalliti: tracciato il…

La predisposizione a dive…

Progetto 1000 Genomes, per compr…

[caption id="attachment_9…

Anche per naso e orecchio arriva…

Le nuove Soft Surgery 'Ma…

Ricreata in laboratorio l'origin…

[caption id="attachment_6…

Sequenziato genoma peronospora: …

[caption id="attachme…

Pomodoro: sequenziato l'intero g…

Il risultato, di grande i…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Scoperta la proteina che oppone resistenza alla chemioterapia

Londra, 15 feb. – Scoperto come alcuni tumori sono capaci di sopravvivere e resistere alla chemioterapia. Lo ha dichiarato un gruppo di ricercatori del Cancer Research del Regno Unito in uno studio pubblicato sulla rivista Nature Structural and Molecular Biology. I ricercatori hanno individuato la struttura di una proteina che si trova al centro del sistema di difesa del tumore.


Conosciuta come ‘FANCL’, questa proteina aiuterebbe le cellule tumorali a riparare i danni che molti farmaci chemioterapici infliggono al Dna. Questa scoperta potrebbe contribuire a rendere i trattamenti contro cancro molto piu’ efficaci. “Il nostro team – ha spiegato Helen Walden, che ha coordinato lo studio – ha determinato la struttura del motore di ‘manutenzione’ presente nella cellula che, se spento renderebbe le cellule molto piu’ sensibili alla chemioterapia”. In pratica, i ricercatori hanno scoperto il bersaglio giusto che aiuterebbe i tumori a resistere alle terapie. Spegnendo infatti quell’interruttore, i tumori rimarrebbero senza difese e i trattamenti sarebbero in grado di sconfiggerlo piu’ efficacemente.
AGI

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi