Vertebra stampata in 3D e impian…

Una vertebra realizzata c…

Vasi sanguigni: da cellule stami…

Ricercatori della Scuola …

Lipoproteina: si aggiunge alla l…

[caption id="attachment_6…

Tomografia computerizzata meglio…

Il follow up TC (tomogra…

Trapianto rene: il donatore non …

Secondo un nuovo studio c…

Calvizie e stress, per caso, il …

Su Plos One i risultati d…

Alzheimer: come avviene il progr…

[caption id="attachment_9…

Da scarti di pomodori e spremitu…

Nei rifiuti non sono cont…

Cannabis efficace contro diabete…

La cannabis potrebbe esse…

Cibi fritti nemici acerrimi dell…

Fritti 'killer' per la l…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Leucemie: tossine vegetali modificate per combatterle

Tossine vegetali “modificate” in grado di uccidere le cellule tumorali senza danneggiare quelle sane: l’obiettivo è sconfiggere le leucemie. Prodotte con metodologie innovative – oggetto di richiesta di brevetto europeo – le molecole innovative sono state messe a punto dal gruppo di studiosi anglo-italiano RICG, Recombinant Immunotoxin Collaborative Group, di cui fa parte anche l’Istituto di biologia e biotecnologia agraria del Consiglio nazionale delle ricerche (Ibba-Cnr) di Milano, attraverso l’uso delle tecniche del Dna ricombinante. I ricercatori hanno ottenuto l’espressione di molecole ibride che veicolano selettivamente l’attività tossica della saporina contro le cellule tumorali, uccidendole senza intaccare le cellule sane. I risultati sono stati illustrati su Faseb Journal, la rivista della Federazione americana di scienze sperimentali.

“Le molecole ibride – spiega Aldo Ceriotti dell’Ibba-Cnr di Milano – sono state create unendo saporina, una tossina vegetale identificata in origine nei semi di Saponaria officinalis, a un frammento proteico che serve ad indirizzare la tossina verso le cellule tumorali. Quando la molecola ibrida entra nella cellula bersaglio, la sintesi delle proteine si arresta e la cellula viene così eliminata”.

Il network RICG, con i suoi laboratori del Cnr di Milano, delle Università di Verona, di L’Aquila e del Southampton General Hospital, lavora dal 2005 – grazie al finanziamento dalla fondazione no profit inglese ‘Leukaemia Buster’ di David e Bee Flavell – per sviluppare farmaci antileucemici basati su anticorpi ricombinanti, in grado di indirizzare le tossine contro le cellule leucemiche senza danneggiare quelle sane. “Un approccio molto diverso dalla chemioterapia convenzionale – conclude Ceriotti – che il gruppo sta sviluppando contro particolari tipi di leucemie e linfomi, diffusi in età sia adulta sia pediatrica”. La scoperta porterà a una fase di studio pre-clinico per confermare l’efficacia terapeutica della tossina ibrida.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi