Scoliosi: migliora la terapia co…

Migliorare il rapporto d…

AIFA istituisce gruppo di lavoro…

Il direttore generale del…

Scoperto in America un virus che…

Riduce l'attivita' cognit…

Alla casa di cura Quarenghi di S…

  In media, la terapia r…

Sarcomi dei tessuti molli ad alt…

Straordinari risultati di…

Diabete di tipo 2: livelli di am…

I livelli di alcuni meta…

Farmaco diuretico, il bumetanide…

Un farmaco commercializza…

Patologie umane: 28.000 varianti…

La conoscenza dell'esatta…

Malaria: perché è importante dia…

[caption id="attachment_1…

Coppa Davis: Mundipharma al fian…

Supportato da Mundipharma…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Leucemie: tossine vegetali modificate per combatterle

Tossine vegetali “modificate” in grado di uccidere le cellule tumorali senza danneggiare quelle sane: l’obiettivo è sconfiggere le leucemie. Prodotte con metodologie innovative – oggetto di richiesta di brevetto europeo – le molecole innovative sono state messe a punto dal gruppo di studiosi anglo-italiano RICG, Recombinant Immunotoxin Collaborative Group, di cui fa parte anche l’Istituto di biologia e biotecnologia agraria del Consiglio nazionale delle ricerche (Ibba-Cnr) di Milano, attraverso l’uso delle tecniche del Dna ricombinante. I ricercatori hanno ottenuto l’espressione di molecole ibride che veicolano selettivamente l’attività tossica della saporina contro le cellule tumorali, uccidendole senza intaccare le cellule sane. I risultati sono stati illustrati su Faseb Journal, la rivista della Federazione americana di scienze sperimentali.

“Le molecole ibride – spiega Aldo Ceriotti dell’Ibba-Cnr di Milano – sono state create unendo saporina, una tossina vegetale identificata in origine nei semi di Saponaria officinalis, a un frammento proteico che serve ad indirizzare la tossina verso le cellule tumorali. Quando la molecola ibrida entra nella cellula bersaglio, la sintesi delle proteine si arresta e la cellula viene così eliminata”.

Il network RICG, con i suoi laboratori del Cnr di Milano, delle Università di Verona, di L’Aquila e del Southampton General Hospital, lavora dal 2005 – grazie al finanziamento dalla fondazione no profit inglese ‘Leukaemia Buster’ di David e Bee Flavell – per sviluppare farmaci antileucemici basati su anticorpi ricombinanti, in grado di indirizzare le tossine contro le cellule leucemiche senza danneggiare quelle sane. “Un approccio molto diverso dalla chemioterapia convenzionale – conclude Ceriotti – che il gruppo sta sviluppando contro particolari tipi di leucemie e linfomi, diffusi in età sia adulta sia pediatrica”. La scoperta porterà a una fase di studio pre-clinico per confermare l’efficacia terapeutica della tossina ibrida.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x